Conclusi i Campionati Italiani Paralimpici Fispes di Ancona

253

Si chiude un’edizione da ‘record italiani’ dei Campionati Italiani Paralimpici di Atletica Indoor Fispes (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) e dei Campionati Invernali di Lanci Fispes. Una due giorni al PalaCasali di Ancona – organizzata dall’Anthropos e giunta quest’anno alla sua 19esima edizione – che ha visto scendere in pista ben 178 atleti.

Riflettori della mattina puntati sulla pedana del lungo. Matteo Cappelletti (Anthropos, T43) realizza un salto da 4,58 che gli vale il record italiano. Grinta da inizio stagione per Marco Cicchetti (T44, Fiamme Azzurre) che realizza un ottimo salto da 6,69. Buono il vicecampione paralimpico di Atene 2004 Roberto La Barbera (T64, G.S.H. Pegaso) con 6,02. Nuovo record italiano con 4,27 per Giuliana Chiara Filippi (T64). Primato italiano con 3,92 anche per Simone Caldarera (T37), che fa lo stesso anche nei 200 con 29.67

Ritorno in pista, dopo il pomeriggio di ieri, per Valentina Petrillo (T12) che infuoca i 200, fissando il nuovo record italiano a 26.62. Mbengue Makhoudia (T12, Asd Omero Bergamo) fissa il nuovo record di categoria italiano a 24.24. Sempre nei 200 Francesco Loragno (T64, Elite Academy Bari) scrive il miglior tempo nazionale a 23.93. Ma la lista dei record italiani nei 200 non finisce qui: a raggiungerli nelle proprie categorie anche Cannata Alessandro (T11) con 26.36, Ballin Gian Marco (T38) con 26.82, Cappelletti Matteo (T43) con 28.76, Adamo Renato (T45) con 31.50 e Marcantognini Alessandro (T63) con 30.41. Si chiudono così le competizioni indoor.

Il Campo Conti – dove i Campionati Invernali di Lanci Fispes sono andati avanti fino al pomeriggio – ha invece consacrato Francesca Cavalieri, già record italiano ieri nel giavellotto, che ha doppiato il primato anche nel lancio del peso F33 con 3,31. Campionessa di Peso F11 Assunta Legnante (Anthropos) con 12,24.

“È stata un’edizione senza precedenti – racconta il Presidente dell’Anthropos, Nelio Piermattei – con un numero altissimo di atleti partecipanti. Questo testimonia la ricchezza del panorama sportivo paralimpico del nostro paese. Ora gli occhi sono puntati ai campionati Fisdir di marzo – conclude – che per la prima volta non si sono svolti in contemporanea con quelli Fispes. La buona riuscita dell’evento è merito anche di chi ci ha supportato: dalla Fidal Marche alla Protezione Civile, fino alla Croce Verde di Civitanova. Grazie anche agli studenti del ‘Savoia Benincasa’ di Ancona e del Liceo Sportivo di Porto Sant’Elpidio, a tutti i volontari e allo staff dell’associazione.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here