5G-SITACOR: UniTS responsabile della comunicazione quantistica

304

È stato ufficialmente avviato lo studio di fattibilità 5G-SITACOR, il corridoio 5G basato su CAM tra Italia e Slovenia.

Il progetto rientra nel programma comunitario CEF (Connecting Europe Facility) e, nello specifico, nel programma CEF-DIG-2022-5GCORRIDORS, che finanzia la crescita, l’occupazione e la competitività attraverso investimenti in infrastrutture situate in aree chiave tra i Paesi dell’UE. Il CEF è coordinato da HADEA, l’Agenzia esecutiva europea per la salute e il digitale.

Lo studio durerà 6 mesi (fino a luglio 2024) e comprenderà l’analisi delle arterie stradali, delle infrastrutture di telecomunicazione esistenti e la valutazione degli investimenti necessari per raggiungere la copertura CAM 5G nel corridoio tra Italia e Slovenia. 

L’obiettivo finale dello studio è definire i parametri necessari per la successiva realizzazione di un’infrastruttura dedicata allo sviluppo di servizi digitali intelligenti per i territori e le comunità, da applicare a imprese, scuole, ospedali, città e autostrade.

L’Università di Trieste si occuperà di studiare il modo di assicurare la comunicazione e il trasferimento sicuri dei dati utilizzando la Quantum Key Distribution su fibre ottiche – spiega il prof. Angelo Bassi di UniTS – un elemento importante quando si considerano connessioni transfrontaliere. Il valore aggiunto di un sistema QKD all’interno di 5GSICATOR è duplice. Da un lato, rende la comunicazione all’interno della rete intrinsecamente sicura. Dall’altro, implementare le fibre per connessioni QKD transfrontaliere è uno degli elementi chiave della realizzazione di EuroQCI, la rete paneuropea di comunicazione quantistica sicura, attualmente in fase di costruzione“.

L’area di confine tra Italia e Slovenia è uno dei corridoi 5G individuati dall’Unione Europea per il potenziamento della copertura e della connettività, essendo il crocevia di diverse direttrici (nazionali, regionali e locali), servendo infrastrutture ferroviarie e portuali ed essendo, allo stesso tempo, un’area con molti ostacoli come montagne e gallerie stradali. 

Il progetto 5G-SITACOR è stato affidato dall’UE a un pool di enti diversi e complementari: la Regione Friuli Venezia-Giulia (coordinatore del progetto), il Porto di Capodistria, l’ANAS e il DARS (operatori autostradali italiani e sloveni), Retelit e Telekom Slovenia (operatori di telecomunicazioni), l’Università di Trieste e di Lubiana.

Il costo dello studio è di 600.000 euro, con un finanziamento dell’UE di oltre 300.000 euro tramite sovvenzioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here