Moretton, ritardi su implementazione rete banda larga

832

Dall\’incontro dell\’assessore Riccarda con i vertici di Confindustria della provincia di Udine è emerso chiaramente il disastroso andamento nell\’attuazione del progetto Ermes. Lo sostiene il capogruppo del PD in Consiglio regionale Gianfranco Moretton I ritardi – dice Moretton – sono il risultato della scelta politicamente sbagliata di incorporare la società Mercurio in Insiel, decisione che ha determinato problemi nella stipula degli accordi di programma col ministero e l'Unione europea. Come se non bastasse, la cancellazione di Mercurio voluta dall'assessore Riccardi ha comportato l'obbligo per Insiel di bandire gare, con il conseguente allungamento dei tempi di realizzazione della banda larga, cosa che sarebbe stata evitata mantenendo in vita Mercurio. Inoltre, da questa operazione abbiamo perso la possibilità di metere a disposizione capacità trasmissiva a prezzi contenuti. Moretton si dice perplesso anche dall'oggettiva impossibilità di realizzare velocemente la banda larga per le aziende, considerato che nel vecchio progetto era stata prevista la priorità e, per evitare di perdere i finanziamenti statali ed europei, era stato deciso di porre gli edifici civili sullo stesso piano previsto per gli operatori economici.
Oggi, purtroppo, l'attuazione del progetto Ermes registra gravi e colpevoli ritardi – conclude il capogruppo PD – la cui responsabilità è tutta della Giunta Tondo, per le scelte sbagliate e per aver voluto affidarne la realizzazione a Insiel che non ha competenza in materia di telecomunicazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here