Lavoro: Donazzan: imprese venete etiche in quanto responsabili e con senso della comunità

511

“In Veneto siamo passati da un 2007 in cui si è registrato il minimo storico del tasso di disoccupazione, agli anni successivi con una crisi generale che ha toccato un po’ tutti i campi, e in questo periodo ciò che ho visto è una storia di grande coesione, di tenuta sociale straordinaria, di fortissimo senso di responsabilità”. Lo ha dichiarato Elena Donazzan, assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro, in occasione del convegno organizzato da Apindustria Verona, Apid Verona e Unionmeccanica sul tema “Fare etica…che Impresa!”, svoltosi nella sede del seminario vescovile di Verona. “Grazie alla coesione fortissima che c’è stata tra gli imprenditori – ha aggiunto l’assessore regionale – siamo riusciti a modificare le erogazioni della cassa integrazione anche nei confronti delle piccole imprese (in precedenza la Legge non lo prevedeva), evento inimmaginabile se non vi fosse stato il senso di responsabilità di chi andava a fare richiesta, di chi si è dato una mano a vicenda anziché farsi la guerra”. “Con un pizzico d’orgoglio, e non per “venetismo”, va detto – ha sottolineato Donazzan – che la nostra Regione vanta una società con il più alto numero di persone che si dedica al volontariato, con una rete sociale di diffusissima e con un grande senso della Comunità”.
“Il mondo – ha precisato l’assessore regionale – è certamente cambiato con velocità notevole, ed essere etici significa, per le aziende, assumersi le responsabilità e avere il rispetto e la conoscenza delle proprie radici, perché quello è il simbolo di appartenenza”. “Questo significa anche – ha concluso Donazzan – avere un orizzonte comune di riferimento che è il compito principale della politica, che deve occuparsi di ciò che accadrà non sono domani, ma anche dopodomani e oltre”. L’assessore Donazzan ha poi citato esempi negativi di responsabilità sociale, tra cui quello di una multinazionale che ha deciso di chiudere aziende in Veneto optando per la delocalizzazione, ed esempi positivi, tra cui quelli di piccole imprese che hanno fatto rinunce pur di mantenere aperti gli stabilimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here