La Montagna ai turisti: fondi per riqualificazione dei Comuni

756

Ammontano a circa 3 milioni di euro, e genereranno investimenti per un totale di 3,8 milioni di euro, i fondi Por Fesr assegnati dal Servizio coordinamento politiche per la Montagna della Regione. Lo ha annunciato il vicepresidente della Regione, Luca Ciriani.

\”Si tratta – ha spiegato Ciriani – di fondi europei assegnati dalla Regione, che permetteranno a 14 comuni montani del Friuli Venezia Giulia di intraprendere una serie di lavori per il miglioramento dell\’arredo urbano in chiave turistica, al fine di valorizzare il territorio e renderlo quindi più interessante ai fini dell\’incoming, oltre che mettere nuove strutture al servizio dei residenti\”.

\”Si tratta in linea generale – ha proseguito Ciriani – di opere che non troverebbero, viste le ristrettezze di bilancio, altre poste disponibili rispetto ai fondi Por Fesr: sono azioni sul territorio necessarie a valorizzare il turismo che si alimenta dalla scoperta dei piccoli borghi e delle particolarità del territorio, e le vacanze all\’aria aperta legate al cicloturismo, per le quali abbiamo lavorato a lungo in questi anni\”.

I Comuni hanno proposto progetti di elevato livello qualitativo finalizzati principalmente al miglioramento dell\’arredo urbano,alla realizzazione di nuovi itinerari e percorsi turistici e alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale di cui è particolarmente ricco il territorio montano. \”La capacità di programmazione dei comuni – ha concluso il vicepresidente Ciriani – risulta vincente e i Comuni che hanno saputo meglio svolgere questo compito ora avranno le risorse necessarie per realizzare i loro progetti\”.

Sul fronte dei Comuni beneficiari, si tratta di Barcis, Tarvisio, Nimis, Ovaro, Tramonti di Sotto, Cimolais, Erto e Casso, Vito d\’Asio, Forgaria del Friuli, Sutrio, Comeglians, Sauris, Enemonzo e Maiago. Tra i lavori previsti, da sottolineare la riqualificazione della ciclabile Tarvisio-Slovenia e dell\’area parcheggio di Fusine (453mila euro di contributo), la sistemazione dei laghetti Pakar a Forgaria del Friuli (252mila euro), la complessa opera di ripristino e riqualificazione dei sentieri nel comune di Comeglians (471mila euro).

Questo il dettaglio degli interventi:

1. MANIAGO, 244 MILA EURO: realizzazione di un punto di sostaattrezzato sulla ciclovia pedemontana in zona Rosa Brustolo.

2.  BARCIS, 187 MILA EURO: riqualificazione di aree pedonali all\’interno del comune.

3. TRAMONTI DI SOTTO, 110 MILA EURO: riqualificazione di una serie di strutture pubbliche ad uso turistico.

4. CIMOLAIS, 192 MILA EURO: miglioramento dell\’arredo urbano eriqualificazione di alcuni tratti di viabilità pedonale del Comune.

5. ERTO, 132 MILA EURO: ripavimentazione del centro storico.

6. VITO D\’ASIO, 90 MILA EURO: recupero e riqualificazione di piazza Giacomo Lecconi.

7. TARVISIO, 454 MILA EURO: completa riqualificazione del grande parcheggio dei laghi di Fusine e messa in sicurezza del tratto della ciclo-pedonale che da Tarvisio conduce ai Laghi di Fusine e alla vicina alla Slovenia.

8. NIMIS, 100 MILA EURO: rimarcatura della vecchia strada pedonale che lambisce il paese, con l\’obiettivo di renderla praticabile a fini turistici.

9. OVARO, 363 MILA EURO: ristrutturazione del piazzale dell\’ex ferrovia, sede della partenza di tappa del prossimo Giro d\’Italia di ciclismo.

10. FORGARIA NEL FRIULI, 242 MILA EURO: azione di recupero ambientale e turistico dei lachetti Pakar, a valle della frazione di Cornino.

11. SUTRIO, 139 MILA EURO: revisione urbanistica e architettonica del borgo storico.

12. COMEGLIANS, 472 MILA EURO: Recupero delle connessioni pedonali – in buona parte già esistenti – fra il centro urbano di Comeglians e le due frazioni vicine di Povolaro e Maranzanis.

13. SAURIS, 148MILA EURO: sistemazione di una serie di aree
pubbliche della frazione di Sauris di Sopra.

14. ENEMONZO, 102 MILA EURO: interventi di arredo e sistemazione esterna dell\’area delle feste adiacente all\’edificio polifunzionale del capoluogo, e il completamento della piazzetta della frazione di Maiaso.
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here