Camera di Commercio di Ancona. De Vita: “I nostri impegni, tra obiettivi e risultati raggiunti”

382

“La Camera di Commercio di Ancona – ha dichiarato il segretario generale Michele De Vita – ha stanziato 12 milioni di euro per il triennio 2011-2013. Di questi 4 sono previsti per il 2011 (un milione è destinato all’internazionalizzazione). Abbiamo molti obiettivi da raggiungere e molti ne abbiamo raggiunti ed è interessante anche solo far parlare i numeri che portano a numerose riflessioni.
Ad esempio al 30/11/2010 il numero delle imprese registrate era di 47.296 unità con un saldo positivo dell’1,6% rispetto al 31/12/2009. Questo significa che nella provincia di Ancona non c’è stato calo, come è successo invece altrove.

Nel decennio 2000-2009 il tasso di crescita delle aziende è stato del 3,3%, con un +65,4% per le società di capitale. E’ di particolare rilievo il progetto dell’Osservatorio sulla piattaforma logistica delle Marche che nel 2011 darà i primi risultati e il nostro puntare sui giovani. La Camera di Commercio, come ha sottolineato anche il vicepresidente Giuseppe Fiorini, vuole stimolare, attraverso corsi mirati e specifici, i giovani perché rappresentano il nostro futuro e su loro vogliamo investire.

In questo senso siamo capofila in un progetto nell’ambito del Programma Leonardo da Vinci, che offre borse di studio per svolgere tirocini all’estero presso imprese e organismi di formazione. L’intenzione è di formare 60 figure professionali qualificate per il settore della cantieristica navale a 360° e per queste sessanta opportunità sono arrivate 376 domande. L’indirizzo di questo corso sottolinea come siamo orientati verso la Blu Economy, l’economia del mare che Ancona deve riscoprire perché qui ha fondato le sue attività nella storia. Ma crediamo molto anche nello sviluppo sostenibile e nella Green Economy.

Proprio in questo ambito sarà a breve creato lo “Sportello Energia” per fornire un servizio di “check up energetico” alle imprese, individuando opportunità di risparmio energetico e di uso razionale dell’energia. Tra le tante cose che ci preme segnalare è il nostro cammino verso la semplificazione amministrativa che procede piuttosto spedito e che sta dando ottimi risultati dal punto di vista del ricorso prioritario alla tecnologia informatica: sulle 19.151 domande al Registro delle Imprese pervenute, 17.626 sono state presentate in forma telematica. Inoltre, noi che ci consideriamo un po’ al confine tra pubblico e privato, abbiamo approvato il 31 gennaio scorso il Piano delle Performance, così come previsto dalla riforma Brunetta, rispettandone principi e tempistiche. Il Piano delle Performance prevede l’individuazioni di obiettivi strategici, attraverso l’analisi del contesto esterno e interno, delle risorse umane, finanziarie e tecnologiche”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here