Il Segretario Berardi a Milano per il BIT al Convegno su “Turismo Etico e Partecipazione”

594

Su invito del Ministro italiano per il Turismo, Michela Vittoria Brambilla, il Segretario di Stato, Fabio Berardi, parteciperà, giovedì, al convegno su “Turismo Etico e Partecipazione”, organizzato dalla collega italiana. Al centro del convegno, l’evoluzione delle politiche turistiche, soprattutto nel quadro dell’OMT, di cui la Brambilla ha assunto di recente la presidenza, e lo sviluppo del turismo etico. Un tema che negli ultimi anni è diventato di rilevanza centrale nelle politiche degli organismi internazioni per il turismo e nelle azioni dei paesi a vocazione turistica, che si pongono il problema di potenziare un settore vitale per l’economia, salvaguardando sia il diritto alle vacanze di tutti, sia la manutenzione delle prerogative di vivibilità, tutela ambientale, qualità della vita, tutela del patrimonio artistico, culturale e identitario, messo spesso a rischio dalle grandi masse di turisti.

Il Convegno è organizzato, come già nell’anno passato, dall’on.le Brambilla, nell’ambito della Borsa Internazionale del Turismo, aperta alla Fiera di Rho Milano dal 17 al 20 febbraio 2011, alla quale partecipa con uno stand anche l’Ufficio di Stato per il Turismo. Con oltre 5.000 realtà del settore provenienti da 130 paesi, il Bit è la più grande esposizione al mondo dell’offerta turistica italiana e tra le prime fiere di riferimento per l’industria turistica mondiale,
L’appuntamento annuale è molto atteso da operatori professionali e dal pubblico dei viaggiatori per conoscere in anteprima il panorama delle destinazioni turistiche di tutto il mondo. La partecipazione all’evento è quindi strategicamente molto importante.

La visita alla BIT sarà un’occasione per il Segretario di Stato Berardi per salutare il Sindaco di Milano, nonché Commissario Generale per l’Expo 2015, Letizia Moratti, con la quale si stanno mettendo a punto le fasi attuative dell’adesione ufficiale di San Marino all’esposizione mondiale, in seguito alla dichiarazione congiunta firmata lo scorso 1 aprile a Palazzo Begni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here