VinItaly 2011: Veneto primo nell’export enologico

553

Non c’è al mondo un territorio dove il vino abbia radici tanto estese, identitarie, variegate e antiche come il Veneto, del quale la vite e il vino sono state coprotagoniste della storia, della cultura, del paesaggio, dell’economia, dell’ospitalità e delle tradizioni gastronomiche. Quest’anima enologica profondamente radicata, che esprime qualità in quantità e anche in tutte le possibili varietà, sarà ancora una volta protagonista al prossimo Vinitaly, la cui 45ª edizione inizierà giovedì prossimo 7 alla Fiera di Verona, per chiudere lunedì 11 aprile. Quella del Veneto è un’enologia da primato – hanno ricordato oggi gli assessori alla promozione Marino Finozzi e all’agricoltura Franco Manzato nel presentare alla stampa i contenuti della presenza istituzionale della regione – che occupa il primo posto assoluto nell’export coprendo circa il 29,5 per cento del totale nazionale (dati 2010), per un valore che supera il miliardo 138 milioni di euro.

“I vini veneti sono dunque oggi uno straordinario ed eccellente biglietto da visita del territorio regionale, dove se ne producono oltre 8 milioni di ettolitri l’anno, dei quali 3,25 milioni a Denominazione – ha sottolineato Manzato – con le tre più grandi Denominazioni italiane da vitigni autoctoni. Di tale quantità, infatti, 1.595.326 hl riguardano DOC e DOCG Prosecco (solo la produzione veneta cui si aggiunge quella del Friuli Venezia Giulia); 553.552 hl i vini della Valpolicella nelle loro varie tipologie DOC e DOCG; 448.043 hl il Soave nelle varie tipologie DOC e DOCG. Il tutto si riassume in una piramide che vede alla vetta 11 vini a DOCG e 27 DOC, per la gran parte da vitigni autoctoni e originari (oltre l’80 per cento del totale) e anche da tecniche autoctone, come l’appassimento delle uve su graticci, ad esempio per ottenere un vino maestoso come l’Amarone o il Malanotte del Piave.

Solo il Veneto, inoltre, produce una varietà completa capace di ogni abbinamento: vini bianchi giovani o di grande temperamento; vini rossi beverini o da lungo invecchiamento, vini rosati, vini spumanti metodo tradizionale o charmat, vini frizzanti, vini dolci, vini passiti. Tutti si bevono perché buoni, ed hanno anche un conveniente rapporto prezzo – qualità”.

Chi li degusta, sorseggia la storia, respira il territorio, la tipicità assoluta e inimitabile. E quest’anno, per la prima volta, faranno la loro comparsa i vini della DOC Venezia, oltre ai nuovi DOCG Lison e Ford d’Arancio dei Colli Euganei. E poi ci sarà ampio spazio per la grappa, distillato che completa la filiera enologica regionale.
Le aziende venete saranno concentrate, come di consueto, prevalentemente nei Padiglioni 4 e 5 del Vinitaly; quasi al centro del Padiglione 4, situato nei pressi dell’ingresso principale della Fiera, la Regione sarà presente direttamente con un proprio stand, negli Spazi E4 D4, dove saranno ospitati numerosi eventi e le degustazioni guidate organizzate dall’Unione Consorzi Vini veneti a DOC.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here