Sviluppo rurale. Veneto al traguardo di spesa previsto, tra sei regioni che non rischiano disimpegno finanziamenti

581

“Il Veneto è tra le sei regioni italiane virtuose che hanno saputo utilizzare bene i fondi comunitari per lo sviluppo rurale e che per questo non rischiano, nel 2011, di dover restituire i soldi non spesi, cioè il cosiddetto disimpegno automatico dei fondi. Abbiamo infatti già raggiunto l’obiettivo di spesa previsto dal piano finanziario”. Lo sottolinea l’assessore regionale all’agricoltura Franco Manzato, che con queste parole sgombra il campo da illazioni e pessimismi di chi riteneva il Veneto in arretrato con i programmi di spesa del Programmo di Sviluppo Rurale.
“Niente di più sbagliato: bisogna sapere fare i conti, leggere le carte. Noi abbiamo avuto una partenza per così dire lenta perché avevamo già speso tutto e di più nel precedente PSR e non ci siamo trascinati impegni nel periodo di avvio di quello successivo, attualmente in vigore. Ovvio che ricominciare daccapo – ha spiegato Manzato – all’inizio ci fa apparire poco capaci di spendere, rispetto a quanti invece da subito hanno provveduto sì a impiegare fondi, ma per coprire spese che si sono trascinate dalla precedente programmazione, non per gli interventi previsti da quella nuova. E’ un discorso molto tecnico, per addetti ai lavori, ma ciò che conta per i nostri imprenditori agricoli è che tutto lo stanziamento assegnato andrà a loro vantaggio, non dovremo restituire nulla e non è escluso che anzi ci arrivino soldi di chi non ha saputo spendere altrettanto bene. Come è capitato nel precedente PSR”.
“Aggiungo un’altra buona notizia – ha concluso l’assessore – e cioè che il Comitato di Sorveglianza ci ha approvato una manovra finanziaria correttiva ,che permetterà di raggiungere più agevolmente gli obiettivi di spesa, indirizzando ulteriori risorse, un’ottantina di milioni, per l’ammodernamento delle aziende agricole, gli investimenti agroindustriali e la promozione dei prodotti agricoli”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here