Agenda digitale UE:consultazione sul “Cloud computing”

1063

La Commissione europea invita cittadini, imprese, amministrazioni pubbliche e altre parti interessate a esprimere la propria opinione su come trarre i massimi vantaggi dal \”cloud computing\”.
Il cloud computing consente alle imprese, alle amministrazioni pubbliche e ai singoli cittadini di utilizzare reti come Internet per accedere ai propri dati e programmi su computer che si trovano altrove. Può aiutare le imprese (in particolare le PMI) a ridurre drasticamente i costi legati alle tecnologie dell'informazione e le PA a fornire servizi a costi inferiori, nonché a ridurre i consumi energetici rendendo più efficiente l'uso delle risorse hardware. Il cloud computing è già largamente diffuso, ad esempio per i servizi di web-mail e la tendenza è in aumento: si prevede
che da qui al 2014 in Europa i servizi basati sul cloud computing genereranno introiti pari a quasi 35 miliardi di euro. Creare le condizioni giuste affinché cittadini e imprese possano trarre i massimi vantaggi da queste innovazioni tecniche è una delle azioni previste dall'Agenda digitale europea (IP/10/581, MEMO/10/199 e MEMO/10/200). La consultazione pubblica online sarà attiva fino al 31 agosto e i risultati della consultazione (reperibile dal link sotto indicato) contribuiranno alla preparazione della strategia europea sul cloud computing che la Commissione presenterà nel 2012. La strategia sarà tesa a chiarire gli aspetti giuridici della diffusione del cloud computing in Europa, a favorire lo sviluppo di un settore e di un mercato del cloud computing competitivo e ad agevolare la diffusione di servizi innovativi basati su questa tecnologia presso cittadini e imprese.
http://ec.europa.eu/yourvoice/ipm/forms/dispatch?form=clou dcomputing&lang=en

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here