Ravenna fa i conti con l’ambiente. Arriva un festival su rifiuti ed energia

603

Centro storico a prova di sostenibilità dal 28 settembre con Philippe Daverio, numerosi ospiti e iniziative in programma.
Sono 30 i giorni che mancano al via di Ravenna2011, evento a km zero (si svolge interamente nel Centro Storico pedonale di Ravenna all'interno di 10 Sale attrezzate, in Piazza del Popolo e nelle principali vie del Centro Storico) sui temi della sostenibilità ambientale e sulle buone pratiche in tema rifiuti/acqua/energia.

Anche l’edizione 2011 – evidenziano Giovanni Montresori e Mario Sunseri – Direttori della manifestazione – si conferma come uno degli appuntamenti “green” più interessanti del panorama italiano: “fare i conti con l’ambiente” è il leitmotiv dell’evento, che miscela sapientemente contenuti tecnico-scientifici con un palcoscenico suggestivo come il centro storico di Ravenna.

Fare i conti sia in termini di responsabilità ed implicazioni etiche dell’azione antropica sul mondo naturale, sia nell’analisi numerica sulla cosiddetta “green economy”. Green economy i cui “green jobs” verranno discussi nel corso della conferenza di venerdì 30 settembre, moderata da Umberto Torelli (Corriere della Sera) e che vedrà la partecipazione di esperti di Università, Istituzioni di ricerca e Imprese, impreziosita dall’intervento di Marco Gisotti, autore insieme a Tessa Gelisio (volto noto della trasmissione Pianeta Mare di rete 4) proprio del libro “Guida ai green jobs”.

Un focus importante sarà posto sul tema delle fonti alternative grazie alla prima conferenza in programma (mercoledì 28 settembre), in cui Alessandro Marangoni e altri esperti in materia parleranno dell’evoluzione del settore energetico delle rinnovabili alla luce dell'analisi costi-benefici sviluppata nell'Irex Annual report 2011.
La conferenza centrale (giovedì 29 settembre) sarà magistralmente condotta da Philippe Daverio, giornalista, scrittore e critico d'arte, uomo-immagine di Rai3 con la trasmissione Passepartout, che racconterà e approfondirà i temi centrali dell’evento in modo assolutamente intrigante ed acuto.

Nell’ambito di Ravenna 2011 viene riproposta poi una sessione internazionale nel contesto della quale si svolgerà la “International WebConference on Energy and Environment” sulle tematiche cruciali che riguardano i grandi problemi che ruotano attorno alla energia e all’ambiente. Le relazioni saranno tenute da esperti dell’Unione Europea e saranno trasmesse in streaming on line. Tra i temi trattati si citano la politica energetica dopo Fukushima, la pianificazione e la gestione sostenibile della fascia costiera, la sostenibilità delle attività turistiche ed i problemi dell’analfabetismo scientifico.

Sempre in streaming verranno trasmesse interviste con i protagonisti del settore rifiuti, acqua, energia tra cui Daniele Fortini, Amedeo Levorato, Alessandro Marangoni, Antonio Massarutto, Rino Mingotti.
Ravenna 2011 si arricchisce di un ulteriore momento di incontro e scambio di conoscenze e saperi: il labecamp, non-conferenza prevista per il 30 settembre, vedrà la partecipazione di blogger, giornalisti, esperti ed appassionati di ecologia, tutti accomunati dalla voglia di praticare “conversazioni sostenibili”. Il labecamp sarà coordinato da Vittorio Pasteris – personaggio del giornalismo on line italiano – con la partecipazione di esperti di comunicazione ambientale come Andrea Vico (ex La Stampa e Tuttoscienze, attualmente giornalista scientifico e “divulgatore”), Marco Fratoddi (direttore de La Nuova Ecologia, tra i media partner dell’evento) e tanti altri…

Tanti e ulteriori i temi affrontati anche nelle sessioni verticali dei Workshop, come la comunicazione ambientale (anche nel 2011 ha confermato la sua partecipazione il sempre sagace ed ironico Patrizio Roversi), i cosiddetti “acquisti verdi” ed ecosostenibili, il micro-eolico, l’uso sostenibile dell’energia, il green building ovvero la sfida energetica nel mondo delle costruzioni, il risparmio energetico e le nuove tecnologie con la possibilità di toccare con mano le nuove realizzazioni tecniche proposte dalle aziende più innovative all’interno di un percorso espositivo allestito in Piazza del Popolo.
Ravenna è anche arte e cultura, innumerevoli le iniziative in programma, tra cui i laboratori di riciclo creativo in piazza, gli artisti di strada (Ecobusking dal Festival di Ferrara), le esposizioni di “public art”, le installazioni e la partnership con CinemAmbiente.
Insomma: un appuntamento da non perdere. Dal 28 settembre, a Ravenna.

LABELAB
Labelab è un gruppo di professionisti operante nel settore dei rifiuti, dell’acqua, dell’energia con un team di 50 professionisti nazionali ed internazionali. Le principali iniziative di Labelab riguardano la realizzazione e gestione dei portali internet Rifiutilab (www.rifiutilab.it), Acqualab (www.acqualab.it) ed Energialab (www.energialab.it). Il progetto è nato con l’obiettivo di offrire un contributo all’innovazione del settore della gestione dei rifiuti, dell’acqua e dell’energia attraverso la condivisione della conoscenza e la creazione di una rete di tecnici (progettisti, gestori, fornitori di attrezzature e di servizi, comunità scientifica) diffusa su tutto il territorio nazionale ed internazionale.

Le raccolte ed elaborazioni di dati, la diffusione delle informazioni permetteranno infatti il confronto, al fine dell’innovazione, dei settori. Il successo del sito www.rifiutilab.it (attivo dal settembre 2001) e degli altri portali, è testimoniato dall’elevato interesse degli addetti del settore e della comunità scientifica, dai quali viene considerato come lo strumento tecnico privilegiato per l’accesso alle informazioni in rete sui rifiuti.

In coincidenza con la partecipazione italiana all’Expo 2010 di Shanghai dedicata al tema “Better City, better life”, Labelab con i suoi software per la gestione dei servizi ambientali è stata inclusa nell’iniziativa “Italia degli Innovatori” www.italianvalley.it, iniziativa dedicata alle eccellenze tecnologiche del nostro Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here