Maria, madre di tutte le genti

583

C\’è un ritorno al sacro, oggi. La quotidianità è pervasa (la un bisogno di spiritualità che trova nella ricerca di senso la sua ragion d\’essere. Sono le grandi catastrofi che impauriscono gli uomini a spingerli verso il soprannaturali\’: sia che si trattino di alluvioni, fame e carestie come al tempo delle Crociate sia che entrino in ballo apocalissi millenariste o default finanziari contemporanei.
A testimoniare questo rinnovato afflato religioso ci sono le centinaia di "viandanti moderni" che quotidianamente intraprendono la via del pellegrinaggio come "ultima spes", come ricerca di un punto fermo nel caos del mondo. E' riaffiorata, con forza inaudita, quella visione pagano – primitiva della spiritualità che proprio nella figura della Madonna trova il massimo interlocutore". Così Giovanni Mauro, titolare dell'agenzia che serve la compagnia Blue Line, commenta il vertiginoso aumento del numero dei pellegrini che ogni anno si imbarcano ad Ancona per raggiungere
Medjugorje, via Spalato. Da gennaio è stato regi¬strato un aumento del 30% dei pellegrini rispetto alla quota di 180.000 del primo semestre 2010; il tra¬sporto passeggeri si è intensificato, interessanào anche i mesi di aprile e novembre e sono aumentati ad 11 i collegamenti settimanali. Addirittura, per far fronte alla continua richiesta di viaggi con destinazione Medjugorje l'armatore ha sostituito le due navi più piccole che facevano la spola Ancona – Spalato con due ammiraglie, la Dalmazia e la Regina della Pace, che garantiscono una capienza di oltre 2000 passeggeri per tratta. E con il Congresso Eucaristico nazionale alle porte che vanterà la presenza del Papa Benedetto XVI ad Ancona, si prevede un flusso "trans-adriatico" da record. "La Madonna – riflette Giovanni Mauro – è da sempre oggetto di culto pro¬fondo e di antichissima devozione.
L'aura sacra che circonda la Vergine trae origine dalle Grandi Madri Mediterranee, divinità benefiche e protettrici della maternità, il cui culto era diffuso lungo le rotte marittime e lungo le strade delle grandi vie del com¬mercio. Di queste divinità pagane, la Madonna è la diretta derivazione. Il neo nato Cristianesimo, infatti, originato dalla costola di una religione priva di immagini quel era l'Ebraismo, aveva bisogno per la diffusione del suo messaggio salvifico di una figura amata e riconosciuta, capace di parlare a tutti gli uomini. Si rivolse allora alla ricca iconografia ellenistica nella quale potè trovare ispirazione, fra le immagini del mito antico, per quelle del nuovo culto. Dal panthoen greco riprese un'immagine femminile di madre, amorevole e salvifica, che ricorre in tutte le religioni, in modi e tempi diversi e che ne costituisce il comun denominatore. Ne troviamo testimonianza nelle "Parole della Sposa" nel Cantico dei Cantici, attribuito al re Salomone o nel Corano in cui 54 versetti celebrano la figura femminile. Icone mariane, rap¬presentazioni o statue votive, sono custodite gelosamente in chiese, mona¬steri e cappelle di tutto il mondo e attirano un'umanità in cammino. Come la "Nostra Signora del Pilar" custodita nel santuario di Saragozza, dalle anti¬chissime e leggendarie origini; la "Madonna Nera" venerata nel santuario di Loreto che custodisce la "casa di Maria a Naazareth", o la Madonna di Guadalupe, in Messico.
Tutte rappresentazioni sacre percepite e venerate come "divinità guida"e capaci di compiere miracoli. E' proprio il sincretismo religioso, vera propria essenza della figura di Maria, a dotarla di significati simPolici, misteriosi e inevitabilmente ammantati di esoterismo, capaci di radunare sotto una sola egida, quella mariana, l'intera Ecumene ossia "tutti gli uomini della Terra". Tenendo conto di questa riflessione, l'imminente installazione di una statua raffigurante la Vergine al porto di Ancona porta l'eco di un messaggio glo¬bale: la Madre di tutte le genti che guida e protegge i suoi figli nel loro viaggio fisico e spirituale e che funge da legame simbolico, umano e spirituale tra Oriente ed Occidente.

Virgin Mary, mother of all people
"There is a return to the sacred, today. Everyday lite is tilled by a need of spirituality thai finds in the search of being. The great catastrophes frighten people pushing them towards the supernatural both for floods and for economic crisis. As a mark of this religious inspiration there are hundred of people that every day go a pilgrimage as the last hope. Giovanni Mauro manager of Blue Line company, talks about the great number of pilgrims that every year board from Ancona in order to reach Medjugorje via Split. From January it has been recorded an increase about 30% of the pilgrims regarding 180.000 of first semester of the year 2010; the passengers transport has been intensified. "The virgin Mary – Giovanni Mauro affirms – all along theme of deep cult and ancient devotion. The sacred halo of the Virgin comes from the Great Mediterranean Mothers, charitable divinity, protectors of maternity, whose cult was diffused along Ihe marine and business routes. The Virgin Mary comes from these pagan divinity. The religious syncretism is the real essence of the Virgin, giving her symbolic meanings, mysterious and unavoidably also with esote- ricism meaning able to assemble under a single aegis of Marian, the total ecumene that is "all the men of the earth". In the light of this reflection, Ihe forthcoming realization of a statue of Virgin in the port of Ancona that represents the echo of a global message: the Mother of all people that guides and protect its sons in Iheir physical and spiritual travel and thai function as symbolic, human and spiritual tie among East and West.

www.marittimamauro.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here