Marche che ammaliano, cresce il turismo nella regione interpretata da Dustin Hoffman

734

Obiettivo centrato: il messaggio di Dustin Hoffman non e` passato inosservato e le Marche sono state elette dai turisti regione dal forte appeal, una terra da scoprire, ascoltare, gustare, assaporare, guardare e toccare.
Conferma che proviene dalla lettura dei dati turistici a chiusura della stagione estiva presentati con soddisfazione questa mattina in Regione dal presidente Gian Mario Spacca e dall'assessore al Turismo Serenella Moroder: 'Ai cinque sensi occorre ora aggiungerne un sesto, quello della magia e dell'incanto che permeano la Regione e ben percepito dai turisti, soprattutto stranieri'. E infatti, i valori considerevolmente positivi vedono, per i primi otto mesi del 2011, un movimento clienti nelle strutture ricettive regionali di 1.995.085 arrivi, con un aumento dell'1,86 sul 2010. Un ottimo incremento e` dovuto al turismo straniero (con tassi di crescita del +6,82% negli arrivi e +12,96% nelle presenze), che richiede sempre piu` un'offerta di qualita`. Per l'Osservatorio nazionale del turismo, le Marche hanno superato anche la Toscana e la Liguria per camere occupate nel mese di agosto. Il turismo si attesta ancora come una risorsa fondamentale, un pilastro per lo sviluppo economico e occupazionale della regione. E nell'immediato futuro l'impegno prosegue sulla stessa linea, annuncia il Presidente che rimarca: 'Insistiamo sulla strategia di consolidamento nei mercati italiano ed europeo e di rafforzamento nei mercati internazionali puntando su beni culturali, ambientali, del manifatturiero. Tenacemente si lavora quindi al consolidamento di un prodotto turistico di alta qualita` e fruibile tutto l'anno, con una strategia di comunicazione che continua a premiarci: anche per il 2011, anno ancora molto difficile per l'economia mondiale, il turismo marchigiano registra performance straordinarie. Allo stesso tempo occorre proseguire nel percorso di riqualificazione delle strutture ricettive e di miglioramento del sistema di accoglienza per rilanciare l'imprenditorialita` turistica'. 'I dati stanno a significare che le Marche – commenta Serenella Moroder – hanno saputo ammaliare e catturare cuore e anima dei visitatori, conquistati dalle infinite suggestioni del viaggio attraverso l'arte, i paesaggi, le citta`, le spiagge e l'enogastronomia. Come le immagini scelte per farci conoscere nel mondo, la regione al plurale anche nelle qualita` e` riuscita a contraddistinguersi per le sue ricchezze che passano dalle attrattive naturali e paesaggistiche, alla cultura diffusa tra musei, biblioteche, teatri e grandi eventi tutto l'anno fino alle eccellenze del made in Marche e l'elevata qualita` della vita. E' quello che il turista richiede, soprattutto gli stranieri, per una vacanza ottimale'

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here