Iniziato esame bilancio, priorità giovani e lavoro

519

Ha iniziato il suo esame in Commissione bilancio, affari generali e istituzionali il bilancio di previsione 2012 e pluriennale 2012-2014 della Regione Emilia-Romagna, che verra\’ discusso in Assemblea legislativa entro l\’anno. Un bilancio gravato dai pesanti tagli del governo, ha ricordato la vicepresidente e assessore alle finanze della regione Simonetta Saliera, dove la regione ha pero\’ rifiutato la logica dei tagli lineari indicando delle priorita\’.
Nell'illustrare il progetto di legge, Saliera ha anche ricordato "che il provvedimento prosegue sulla via della riduzione dei costi di gestione e del contenimento del debito tanto che, con i suoi 206 euro a testa per abitante, la Regione Emilia Romagna e' quella che ha il minor debito procapite in Italia". La scelta di destinare almeno 20 milioni di euro ad un fondo per la stabilizzazione dei lavoratori precari, ha aggiunto, conferma inoltre l'attenzione della regione verso il tema del lavoro. Il testo, approvato nei giorni scorsi dalla Giunta regionale, prevede entrate e uscite per 13.525 milioni di euro, non introduce aumenti della pressione fiscale e propone l'Istituzione di un Fondo regionale per la stabilizzazione del lavoro precario, rivolto in particolare ai giovani. Sviluppo e lavoro sono tra le priorita' individuate.
Un bilancio difficile, che nasce in un quadro politico ed economico in forte movimento – spiega il Presidente della Regione Vasco Errani in un corsivo sul suo sito internet – che ha imposto scelte molto forti e selettive. "Abbiamo cercato di fronteggiare i tagli del Governo senza aumentare la pressione fiscale, ma soprattutto abbiamo individuato delle priorita'. In primo luogo il lavoro e i giovani. Cio' si traduce – scrive ancora Errani – col sostegno all'occupazione, alla formazione e alla stabilizzazione del lavoro con 60 milioni di euro aggiuntivi, e sostenendo il credito per le imprese. Quindi il welfare, con un incremento del fondo regionale per la non autosufficienza, che va oltre i 400 milioni, e col supporto del fondo anticrisi per i Comuni, che vivono un momento molto difficile". Garantiti anche i fondi per il trasporto pubblico locale e i servizi per la mobilita' dei cittadini. Errani conclude spiegando ai cittadini che si tratta di il bilancio punta alla riduzione dei costi gestionali della Regione a favore dei servizi, delle politiche di crescita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here