Industria: Ciriani,messaggio positivo da rilancio Portisa Cimolais

656

Il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia Luca Ciriani ha visitato lo stabilimento della Portisa Srl di Cimolais, l\’azienda leader nella produzione di bagni prefabbricati, assieme al sindaco del comune valcellinese Rita Bressa e al vicesindaco Federico Protti.
"La situazione dell'azienda – ha commentato Ciriani – è finalmente positiva dopo le grandi difficoltà attraversate negli ultimi anni. Il fatto che la Portisa si stia rilanciando e che garantisca un posto di lavoro già a una ventina di persone – ha aggiunto – è un segnale importante per l'intero comparto produttivo regionale ed in particolare per la zona di Cimolais". Ciriani aveva monitorato direttamente l'evoluzione del caso-Portisa nel 2010, favorendo l'accordo di programma tra Comune e Regione che prevedeva un finanziamento di 600.000 euro per l'acquisto da parte dell'amministrazione locale dell'immobile da concedere in affitto alla ditta di Cimolais. Una soluzione che si sta finalmente concretizzando garantendo alla Portisa i mezzi economici per rilanciare la propria attività senza abbandonare il sito produttivo nel cuore della Valcellina. "Entro la fine del mese – ha spiegato Bressa – il Comune perfezionerà l'acquisto dello stabile e subito dopo sottoscriverà il contratto di affitto alla Portisa, salvaguardando così il futuro dell'azienda ed i relativi posti di lavoro. Un risultato molto importante – ha precisato – ottenuto grazie all'impegno congiunto delle istituzioni coinvolte".
"Gli accordi iniziali – sottolinea Gianandrea Blasutig, rappresentante della Portisa – prevedevano una forza lavoro di 15 persone, un accordo che abbiamo ormai da mesi superato arrivando ad impiegarne stabilmente una ventina senza contare lo sviluppo dell'indotto attraverso collaborazioni con altre ditte locali. Stiamo lavorando – ha inoltre anticipato Blasutig – per assicurarci entro i prossimi mesi alcune importanti commesse che ci permetterebbero di affrontare il 2012 con ottimismo e fiducia, aprendo anche le porte a nuove assunzioni". "Ogni posto di lavoro salvaguardato in montagna – ha concluso Ciriani – vale doppio data le difficoltà che gli imprenditori incontrano in queste zone. Tutti i dipendenti della Portisa hanno meno di 40 anni, un dato importante perché garantisce che queste persone e le loro famiglie potranno rimanere per molti anni a Cimolais senza doversi trasferire in cerca di un altro posto di lavoro".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here