Capone: la Puglia a Londra per Ecobuild, fiera costruzioni ecosostenibili

620

Si conclude oggi la tappa a Londra per la green economy pugliese. Undici aziende hanno partecipato con la Regione ad Ecobuild, la più importante manifestazione fieristica del Regno Unito dedicata alle costruzioni ecosostenibili ed alle energie rinnovabili, svoltasi a Londra dal 20 al 22 marzo 2012.
Si è confermata l’occasione giusta per favorire l’incontro tra domanda e offerta in settori come materiali edili ecosostenibili, energie rinnovabili, risparmio ed efficienza energetica, tecnologie pulite a basse emissioni, ma anche servizi professionali all’avanguardia e persino design ecosostenibile. Tutti settori cari alle politiche regionali che oggi incontrano una forte domanda sui mercati. Nel caso del Regno Unito poi, lo scenario si fa particolarmente appetibile, proprio nel campo dell’edilizia, per via delle prossime Olimpiadi in programma quest’anno a Londra. Dunque un’opportunità imperdibile per le imprese pugliesi che oltre a presentare le proprie eccellenze e a conoscere le novità proposte, potranno partecipare ad un fitto calendario di conferenze, seminari, dibattiti e dimostrazioni. E infatti la doppia formula che associa all’esposizione tutti questi altri appuntamenti ha già garantito nell’edizione 2011 la partecipazione di 1.300 espositori e di oltre 55mila visitatori specializzati internazionali. Un successo altrettanto rilevante è stato raggiunto anche per l’edizione di quest’anno. Sono proprio queste le ragioni per le quali la Regione Puglia – Servizio Internazionalizzazione, con il supporto tecnico dello Sportello per l’internazionalizzazione delle imprese (Sprint Puglia), ha voluto partecipare all’evento in collaborazione con il Distretto delle Energie rinnovabili e dell’Efficienza energetica “La Nuova Energia” ed il Distretto Produttivo dell’Edilizia Sostenibile Pugliese. A sottolinearlo è la vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone: “Manifestazioni come Ecobuild – ha detto – danno alla Puglia la possibilità di mostrare le proprie eccellenze in settori nei quali è leader in Italia, come le energie rinnovabili, ma anche di valorizzare politiche regionali innovative come quelle destinate a rendere più efficienti gli edifici sotto il profilo energetico. Vorrei ricordare che all’inizio di quest’anno è partito concretamente il programma della Regione Puglia grazie al quale edifici pubblici come scuole, sedi municipali e mercati coperti disperderanno meno calore e utilizzeranno per gli interventi edilizi solo materiali ecosostenibili. La partecipazione ad Ecobuild è stata funzionale anche a questo”. Le imprese durante i giorni dell’evento hanno avuto modo di incontrare gli operatori internazionali grazie ad un fitto calendario predisposto dallo Sprint Puglia in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana per il Regno Unito e di Unioncamere Puglia, tramite il Progetto Bridge Economies. Anzi a questi appuntamenti è stato dedicato un evento ad hoc, il Matchmaking Event, di mercoledì 21 marzo che ha permesso alle aziende pugliesi di confrontarsi con potenziali partner europei sulle opportunità di collaborazione, in campo sia commerciale che tecnologico Per i numerosi incontri con gli operatori esteri (oltre 200 incontri nel corso dei 3 giorni di fiera) la Regione Puglia ha messo a disposizione il proprio spazio espositivo oltre all’assistenza tecnica in loco dello Sprint. Hanno preso parte all’evento Bianco Cave srl di Melpignano (Le); Pimar Srl di Cursi (Le); Horus di Fasano (Br), Vodichem Italia di Ruvo di Puglia (Ba); Thermocold costruzioni di Modugno (Ba); Nge Natural Green Energy di Spinazzola (Bt); Gaia di Bari; Appendaun di Cerignola (Fg); Fei Systems di Bari; Euro Assistance Elettromeccanica di Altamura (Ba); Tecniconvert di Martina Franca (Ta).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here