Chiodi, ecco riforma personale regione. Efficienza e risparmio

543

Con due provvedimenti separati, uno legislativo l\’altro amministrativo, la Giunta regionale d\’Abruzzo si appresta a modificare la struttura burocratica dell\’ente. La modifica della legge 77/99, relativa all\’organizzazione del personale, e il provvedimento amministrativo organizzativo sono stati presentati stamane dal presidente della Regione, Gianni Chiodi, e dall\’assessore al Personale, Federica Carpineta. \’\’La legge – ha spiegato il Governatore – si muove su cinque punti basilari: flessibilita\’ organizzativa e lavorativa; responsabilita\’ dirigenti, trasparenza; merito, formazione e selezione; relazioni con il pubblico. Si tratta di importanti innovazioni che vanno nel senso di una generale modernizzazione di tutta la struttura amministrativa regionale\’\’
Chiodi e la Carpineta hanno illustrato alcuni aspetti della legge di riforma, ponendo l'accento su alcuni punti di svolta: ''Nella legge non si fara' piu' riferimento alla pianta organica di diritto ma al fabbisogno con il tetto di spesa raggiunto nell'anno precedente con l'obiettivo di una continua riduzione, grazie a processi di innovazione, organizzazione e informatizzazione''. ''Questo sistema – hanno assicurato Presidente ed Assessore – permettera' di liberare risorse in bilancio regionale che potranno essere girate allo sviluppo''. Un altro passaggio importante della legge e' la maggiore responsabilizzazione e valorizzazione dei dirigenti. ''Si vuole – ha puntualizzato l'assessore al Personale – abbandonare la politica del tutto a tutti ma dare forza, anche economica, a quei dirigenti piu' meritevoli e volenterosi. Al contrario verranno penalizzati quei dirigenti che si pongono anche con la semplice inerzia in contrasto con il cambiamento''. E in questa filosofia si muove anche la norma che prevede ai direttori contratti di un anno, ''legando l'incarico stesso al raggiungimento degli obiettivi del programma del governo senza ingerenza della politica che dunque rimane titolare dell'indirizzo programmatico, mentre la responsabilita' dell'azione amministrativa rimane in capo ai dirigenti''. Sulla flessibilita' organizzativa e lavorativa la nuova legge prevede una maggiore mobilita' rispetto al presente da parte dei dirigenti ed una flessibilita' lavorativa del personale in termini di sede di lavoro. Esso sara' anche, nelle intenzioni dell'assessore, un sistema aperto che prevede il confronto e l'analisi comparativa con le regioni italiane piu' virtuose. Il progetto il riforma della legge 77 guarda poi con attenzione alla trasparenza e al merito e formazione. Sul primo aspetto, Presidente e Assessore non hanno esitato a parlare di ''importante rivoluzione che sancisce l'imparzialita' della pubblica amministrazione, garantendo in questo senso il cittadino''. Il riferimento e' alla razionalizzazione delle procedure concorsuali pubbliche, processo che prevede la possibilita' di bandire un unico concorso dal quale possono attingere gli enti locali. Ma un passaggio altrettanto importante per il cittadino riguarda il criterio di reclutamento delle Commissioni. ''I componenti saranno estratti a sorte – hanno anticipato i due amministratori – con la possibilita' di inserire esperti di risorse umane. In questo modo si eviteranno abusi o scarsa trasparenza da parte della Pubblica amministrazione''. Il quarto pilastro della legge di riforma riguarda il merito, aspetto sul quale la Giunta regionale ha sempre avuto un occhio particolare. La legge inserisce il criterio dell'obbligatorieta' della selezione per l'attribuzione di incarichi di responsabilita' all'interno dell'ente e quindi di incremento della retribuzione. Diverranno rilevanti la valutazione positiva e il superamento dei corsi di alta formazione: in questo senso, la legge di riforma istituisce la ''Scuola regionale di formazione e selezione'' che dovra' operare con personale interno, con l'obiettivo di innovare politiche formative e di selezione. Verra' infine data forza e sostanza all'Ufficio pubbliche relazioni. Fin qui gli aspetti essenziali contenuti nella proposta di legge, ma il processo di riforma della macchina burocratica prevede un passaggio intermedio. Si tratta della delibera della Giunta regionale, che verra' approvata nella prossima seduta, di razionalizzazione, con la riduzione della dotazione organica di diritto e la contrazione dei servizi. Di fatto, si tratta di un atto organizzativo che realizza la base amministrativa della legge di riforma. Nel provvedimento, che sara' vagliato dalla Giunta, verranno ridotti i servizi dei dirigenti dagli attuali 89 a 76.

Il provvedimento tagliera' poi la pianta organica di diritto: dai 1.684 a 1.500 dipendenti comprensivi del personale Arssa, Abruzzo Lavoro e Aptr, confluito in Regione dopo la soppressione. A questi numeri, si aggiungono poi quelli maturati negli anni passati che hanno portato una riduzione da 127 a 85 del numero dei dirigenti e al dimezzamento delle collaborazioni con un risparmio di oltre 3 milioni di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here