PER L’ECONOMIA DEL MARE SOSTEGNO INCONDIZIONATO

644

Quello ittico è un settore che ricopre un peso rilevante nell’economia di un paese che si affaccia sul mare. Da anni quello italiano e in particolare quello che opera in Adriatico vive momenti di estrema difficoltà, cercando di sopravvivere tra aumento del prezzo del gasolio e nuove norme Comunitarie. La 72a edizione della Fiera Internazionale della Pesca, che si svolgerà a fine giu-gno ad Ancona, sarà anche l’occasione per fare il punto sulla situazione del comparto: ne abbiamo parlato con l’assessore di competenza della Regione Marche Sara Giannini.
Come si sta muovendo la Regione Marche per supportare gli operatori?
Ci muoviamo tra mille difficoltà, compreso il ridimensionamento delle risorse del Fondo europeo per la Pesca, che in parte andrà anche a finanziare il fermo bio-logico. Ma siamo determinati nel sostenere questo settore, tradizionalmente molto importante per le Marche. Sosteniamo la mitilicoltura, l’adeguamento dei porti e dei piccoli approdi, la trasformazione, con la promozione di nuove attività a filiera cortissima. Stiamo finanziando anche alcune iniziative pilota, favorendo la partecipazione degli operatori in consorzio, assieme a enti di ricerca, per migliorare la gestione dell’attività di pesca, puntando anche sul biodiesel sull’attuazione di sistemi di autogestione di alcune risorse ittiche da parte dei pescatori. Il rilancio della blu economy e la prossima edizione della Fiera Internazionale
della Pesca di Ancona rappresentano un momento importante per la promo-zione e riposizionamento del comparto ittico.  La blu economy è l’economia della responsabilità, della consapevolezza da parte di operatori e collettività dell’importanza del mare per la conservazione e valorizzazione a lungo termine delle risorse ittiche e non solo. Un modello di svi-luppo che riguarda non soltanto la pesca, ma si estende a tutte le filiere produttive, dall’agroindustria, al manifatturiero, al turismo. La Fiera di Ancona è occa-sione privilegiata per mettere a punto azioni e progetti focalizzati su questo nuovo modello.
A proposito di pone è stata appena lanciata una nuova campagna che mira a promuovere il pesce più povero. Come è strutturata la comunicazione?
Povero come prezzo, ma ricchissimo come qualità e gusto. La campagna pre-vede momenti tematici all’interno di cinque appuntamenti culturali di grande richiamo che caratterizzano l’estate 2012: il Festival della Felicità di Pesaro, Musicultura di Macerata, la Fiera internazionale della Pesca di Ancona, Anghiò
– Festival del pesce azzurro di San Benedetto del Tronto e Vongolopoli di Porto
San Giorgio. Sono stati realizzati anche due cortometraggi con il noto conduttore televisivo, Massimiliano Ossini: “Tu la conosci Alice?” e “Dal Mare alla Tavolale Marche ti vogliono bene”. Il primo particolarmente focalizzato sulle giovani generazioni, l’altro per scoprire la valenza turistica del mare e della risorsa ittica regionale.

Unconditional support to the sea economy
Fishing as an important value for the economy of our territory. For many years the Italian sector and
in particular the sector that works in the Adriatic area has some difficulties. We talk about it with
the councilor Sara Giannini.
In which way the  Marche region can support the workers?
We are moving between difficulties, including the reduction of resources of the European Fishing
fund. But we are determined to support this sector, which is traditionally very important for our region.
We support the mussels activities, the adaptation of ports and landings, the processing, with the
promotion of new activities in very short chain. The relaunch of the blue economy and the next
edition of the International fishing Exhibition in Ancona will be an important promotional moment
The blue economy is the economy of responsibi-lity, awareness of workers and communities, of the importance of the sea for the preservation at long-term of fish resources. A development model
which covers that involves not only the fishing, but all industries, from manufacturing, agro-indu-stry, tourism. Ancona exhibition it is a privileged opportunity to develop actions and projects focu-sed on this new model”.

www.regione.marche.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here