LAVORO: BRANDI, PIÙ ATTENZIONE ALLA RICOLLOCAZIONE DEGLI INFORTUNATI

743

Non solo sempre più sorveglianza per mantenere un trend che vede ridursi il numero degli infortuni sul lavoro, grazie alle iniziative di formazione e informazione messe in campo, ma anche maggiore attenzione alla ricollocazione delle persone infortunate. Questo il messaggio lanciato dall'assessore regionale al Lavoro Angela Brandi, intervenuta a Udine alla cerimonia promossa dall'Anmil (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro), in occasione della 62° giornata nazionale delle vittime di incidenti sul lavoro.
Per Brandi è necessario infatti un maggior impegno nel favorire un cambio di mentalità da parte delle aziende, allo scopo di favorire il reinserimento dei lavoratori infortunati, che devono essere messi nelle condizioni di "riappropriarsi di un incarico professionale per potersi reintegrare appieno nella società".
"Soltanto attraverso la partecipazione attiva al lavoro – ha sottolineato l'assessore – chi è rimasto coinvolto in un infortunio può vedersi riconoscere il proprio ruolo di individuo, la consapevolezza di fare ancora parte della comunità".
Nel suo intervento Brandi ha fatto anche un richiamo all'importanza di una cultura della sicurezza, che sia anche in grado di far superare atteggiamenti pietistici nei confronti degli invalidi del lavoro: "gli infortunati, anche se colpiti sul piano psicofisico, hanno ancora delle risorse da sviluppare, hanno la possibilità di intraprendere attività lavorative in molti settori non esplorati in precedenza. La loro presenza attiva sul mercato del lavoro può rappresentare, soprattutto in questo momento di difficoltà, uno stimolo positivo per tutti".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here