Serbia: a Novi Sad il convegno “ClusterPoliSEE Project, smarter cluster policies for South East Europe”

364

L’assessore alle Politiche Comunitarie Paola Giorgi parteciperà, domani a Novi Sad in Serbia, al convegno “ClusterPoliSEE Project, smarter cluster policies for South East Europe” organizzato dal South East Europe Tansnational Cooperation Programme con il patrocinio dell’Unione Europea. “Il South East Europe Programme – spiega l’assessore Giorgi – è uno strumento che ha lo scopo di integrare partnership internazionali su questioni di importanza strategica per sostenere i processi di integrazione territoriale, economica e sociale e per contribuire alla stabilità, alla coesione e alla competitività del quadrante sud est europeo. Le Marche sono state invitate all’evento per portare il contributo di una Regione che da anni ormai persegue questi obiettivi a partire dalla realizzazione della Macroregione Adriatica – Ionica. Un ruolo centrale sottolineato anche dal vertice governativo internazionale Italia – Serbia che si è svolto ad Ancona recentemente e, nel corso del quale, il presidente del consiglio Letta non ha esitato a definire Ancona capitale dell’Adriatico”.

L’assessore Giorgi a Novi Sad illustrerà scopi e obiettivi della Macroregione Adriatica Ionica che verrà formalmente istituita nel 2014 nel semestre di presidenza italiana della Ue, focalizzando l’attenzione sulla necessità di attuare la programmazione del periodo 2014-2020 in modo coordinato, valorizzando integrazione e cooperazione in tutti i settori di interesse: tutela dell’ambiente, prospettive economiche, rafforzamento della sicurezza, cooperazione economica, sociale ed istituzionale, qualità della vita, valorizzazione patrimonio culturale comuni.

“ La Ue – afferma l’assessore Giorgi – sostiene le macroregioni con politiche europee specifiche per il loro sviluppo integrato. L’area Adriatico-ionica presenta tutti i requisiti per operare come una Macroregione per la quale sviluppare un approccio strategico, sulla base di tematiche di interesse comune. Si tratta di individuare, quindi, gli strumenti che meglio permettano di promuovere politiche di coesione territoriale transnazionale, con un carattere inclusivo per tutti i Paesi, sia tra quelli membri dell’Unione che quelli che ancora non ne fanno parte, favorendo sinergie in una visione di medio e lungo termine, in accordo con gli obiettivi dell’Agenda Europea 2020”.

Tema specifico del convegno sono le “cluster policies”. I cluster sono potenti motori dello sviluppo economico e dell'innovazione. They provide a fertile business environment for companies, especially SMEs, to collaborate with research institutions, suppliers, customers and competitors located in the same geographical area. Forniscono un ambiente di business fertile per le imprese, soprattutto le PMI, favorendo la collaborazione delle aziende con le istituzioni di ricerca, i fornitori, i clienti e i concorrenti situati nella stessa area geografica.
“La Regione Marche – conclude l’assessore – crede fermamente in questo strumento: soprattutto in questo drammatico periodo in cui le risorse trasferite dal governo nazionale diminuiscono ogni giorno, l’unica strada è quella di ideare insieme progetti concreti, catturare risorse europee e concentrarle in azioni di crescita, di sviluppo e di innovazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here