5^ Fiera campionaria internazionale del peperoncino

573

La coordinatrice provinciale di FareAmbiente Rieti Simona Muccioli, ha partecipato come relatrice, al convegno “Filiera del peperoncino piccante: interventi di ricerca per la scelta varietale e per l’innovazione dei processi culturali – progetto PEPIC”, tenutosi lo scorso 28 agosto nella splendida cornice di largo Alfani, sede del municipio nell’ambito della 5° Fiera mondiale del peperoncino che, da diversi anni, si tiene nella storica città Sabina richiamando espositori e esperti in materia da tutto il mondo. Presente anche il commissario straordinario di FareAmbiente Lazio Giovanni Ricci. Il convegno ha visto la partecipazione anche del professor Teodoro Cardi del centro di ricerca per l’orticoltura di Pontecagnano (SA) e dell’onorevole Guglielmo Rositani, socio fondatore dell’accademia del peperoncino. Moderatore Leonardo Tosti, presidente confcommercio di Rieti. Il progetto Pepic, a carattere nazionale, si propone lo scopo di affrontare le problematiche della filiera del peperoncino piccante, con interventi finalizzati alla valorizzazione dei prodotti autoctoni locali italiani, all’innovazione varietale e all’ottimizzazione delle tecniche colturali. In particolare, di fronte a una nutrita platea costituita dalle massime autorità locali, la coordinatrice Muccioli, nel presentare il “Rapporto sulle Frodi Agroalimentari” stilato dall’associazione che rappresenta, ha posto l’attenzione su come FareAmbiente sia impegnata costantemente e in coordinamento con le autorità locali e nazionali alla tutela dei consumatori per garantire loro, il massimo standard qualitativo del settore. Sono infatti migliaia le frodi dell’agroalimentare e in particolare la Muccioli ha fatto presente come in queste frodi non sia esente anche il settore della filiera del peperoncino piccante: soprattutto per quanto concerne l’uso improprio e massiccio di pesticidi e conservanti e di come peperoncini di importazione estera vengano poi spacciati sul mercato come di produzione nazionale.
FareAmbiente si colloca sia a fianco dei consumatori che di quelle eccellenze italiane che ci contraddistinguono nel mondo: anche nel settore del peperoncino. La stessa Muccioli ha orgogliosamente annunciato che anche un nuovo tipo di peperoncino piccante “Il Sabino” è stato ultimamente riconosciuto e messo a produzione nel reatino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here