POR-FSE 2014-2020: la Commissione Europea elogia il Veneto

373

Si è tenuta a Venezia la seconda riunione del Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale del Fondo Sociale Europeo (FSE) 2014-2020, il cui compito è quello di verificare l’attuazione del Programma stesso e i progressi compiuti nel conseguimento dei suoi obiettivi. Ai lavori del Comitato hanno partecipato, oltre ai rappresentanti delle autorità di gestione, certificazione e audit, le organizzazioni datoriali, sindacali e degli enti locali, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il rappresentante della Direzione Generale Occupazione, Affari Sociali e Inclusione della Commissione Europea.

Nel corso del dibattito sono state espresse parole di elogio sia per l’efficace operatività dimostrata dalla Regione del Veneto nell’adempiere con tempestività a tutte le fasi procedurali propedeutiche all’avvio della programmazione, sia per la gestione delle risorse messe a disposizione dall'Unione in questa prima fase di programmazione attivando numerose iniziative.

Tra le numerose iniziative poste in essere, particolare successo hanno riscosso i progetti di formazione continua e gli interventi posti in essere per il sostegno del tessuto imprenditoriale, ed in particolare per il superamento delle crisi aziendali.

In questa seduta il Comitato ha provveduto, tra l’altro, ad approvare la prima Relazione di Attuazione relativa all’annualità 2015 del POR 2014/2020 e ad illustrare le principali iniziative avviate nel corso del 2016.

In particolare lo stato di attuazione finanziaria al 31 marzo 2016 presenta un avanzamento più che soddisfacente evidenziando stanziamenti per oltre 115 Milioni di Euro distribuiti nei vari Assi in cui si articola in POR. Di rilievo, in particolare, gli stanziamenti destinati all’Asse Occupabilità (55 Milioni) e all’Asse Istruzione e Formazione (35 Milioni).

Sono state inoltre presentate le previsioni di spesa per il 2016/2017 che delineano un quadro di attuazione che assicura il raggiungimento delle soglie di spesa fissate dall’Unione Europea per il 2017 e pone solide basi per l’assegnazione definitiva della riserva di efficacia prevista per il 2018, costituita da un ulteriore disponibilità di oltre 45 milioni di Euro.

E’ stato anche illustrato lo stato di avanzamento degli interventi del Piano di Rafforzamento Amministrativo, finalizzato ad incrementare l’efficienza organizzativa delle strutture interessate all’attuazione del programma, evidenziando per il FSE un ottima performance rispetto agli obiettivi programmati.

A valorizzare gli interventi dedicati alle buone prassi sono infine intervenuti due testimoni privilegiati, due studenti che hanno intrapreso uno dei percorsi formativi di Istruzione Tecnica Superiore post diploma attivati in Regione e finanziati con l’Asse Istruzione e Formazione, i quali hanno sottolineato l’importanza del percorso intrapreso, che consente di coniugare formazione ed esperienza lavorativa. La validità di tale esperienza è stata evidenziata anche dai rappresentanti delle parti sociali ed in particolare dai rappresentanti datoriali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here