Balcani sempre più integrati

481

Il ruolo centrale e strategico del Friuli Venezia Giulia nel processo di integrazione dei Balcani, per instaurare fra gli Stati solidi rapporti economici attraverso i quali avviare un percorso di superamento definitivo delle divisioni e dei conflitti che hanno coinvolto l\’area. Questo il pensiero che è stato condiviso dalla presidente della
Regione Debora Serracchiani e dall'ambasciatore italiano a
Belgrado Giuseppe Manzo, nel corso di un incontro che si è tenuto
oggi a Trieste.

Il recente vertice dei Balcani occidentali, che si è svolto
all'inizio di questa settimana a Parigi e che ha visto la
partecipazione del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, ha
offerto lo spunto alla presidente Serracchiani e all'ambasciatore
Manzo per riaffermare la necessità di un confronto, accompagnato
dall'Unione europea, fra i Paesi di questa parte orientale del
continente.

Un confronto che si fondi pragmaticamente sugli aspetti dello
sviluppo, delle infrastrutture, della mobilità giovanile e delle
riforme.

In tal senso uno dei possibili ambiti in cui il Friuli Venezia
Giulia potrebbe offrire il suo know-how è quello della cultura,
hanno convenuto Serracchiani e l'ambasciatore, in quanto nelle
grandi capitali dell'area balcanica sono tuttora scarsamente
fruibili moltissime realtà museali, già esistenti prima della
dissoluzione dell'ex Jugoslavia.

Infine, proprio in merito al vertice dei Balcani del prossimo
anno che, come annunciato dal ministro Gentiloni, si terrà in
Italia, la presidente ha ribadito che a quel tavolo il Friuli
Venezia Giulia adempierà alla sua vocazione geografica, culturale
e politica, di porta verso un Est che oggi offre opportunità di
crescita e rappresenta un importante fattore di stabilità per la
sicurezza del nostro Paese e dell'Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here