Noi in gioco per la Macroregione Adriatico Ionica, lo sport vince il bullismo

694

Yes, we can. Si, possiamo. Possiamo vivere una storia millenaria, cresciuta attorno al suo mare. Si, possiamo credere nei grandi valori consolidati nel tempo. Si, possiamo rafforzare l\’ amicizia , la solidarietà e la collaborazione tra le nostre comunità. Si, possiamo vivere lo sport come una competizione sana, come un gioco che promuove il benessere e la gioia di stare insieme. Yes, we want. Sì, vogliamo portare tutto questo nel gioco. E’ nel rileggere queste frasi chiave, stampate nelle t-shirt e indossate dai giovani atleti e dai rappresentanti delle istituzioni assieme a loro, che si è concluso tra gli applausi l’incontro di questa mattina al Comune di Ancona, che ha visto presente i componenti del Comitato promotore e i ragazzi che partecipano alla V edizione del Trofeo internazionale di calcio giovanile “Noi in gioco per la Macroregione Adriatico Ionica”. L’iniziativa – come ricordato oggi da Diego Franzoni, organizzatore dell’evento, dall’ambasciatore Fabio Pigliapoco, da Fabio Sturani- Regione Marche, Giorgio Cataldi- Confartigianato e da Andrea Nobili, Garante dei diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza per la Regione Marche- si pone in continuità con gli Youth Games of the Adriatic and Ionian Region che si sono svolti ad anni alterni ad Ancona e si propone di sensibilizzare ulteriormente i giovani sul tema della Macroregione e dei principi che la identificano.
Il tema specifico scelto quest’anno colloca ancora una volta tali principi al centro dell’iniziativa e riguarda in particolare Lo Sport vince il bullismo, un problema purtroppo presente in ogni Paese e individuato come argomento del consueto incontro serale al Porto antico, che si è svolto con successo ieri sera, costituendo una occasione di scambio e di amicizia per i ragazzi delle due sponde.
Nel corso della cerimonia in Comune stamane, ai capitani delle delle squadre italiane e croate ( Ancona, Ascoli Piceno, Fano, Bergamo, e Spalato) è stato consegnato il “pallone della pace”, autografato nei giorni scorsi dal cardinale Menichelli, Arcivescovo di Ancona (in procinto di lasciare l’incarico) che sostiene l’iniziativa fino dalla prima edizione assieme a un pool nutrito di istituzioni e associazioni: Associazione Sportiva Giovane Ancona Calcio, la Regione Marche, l’Arcidiocesi di Ancona Osimo, i Comuni di Ancona e Split, in collaborazione con l’Ufficio III Ambito di Ancona dell’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e con il patrocinio di: il Segretariato per l’Iniziativa Adriatico Ionica, il CONI delle Marche: i comuni di Arcevia e Ostra, i Forum delle Camere di Commercio e delle Città dell’Adriatico e dello Ionio, la Camera di Commercio di Ancona, – l’Autorità di Sistema Portuale del Medio Adriatico, il Museo Statale Tattile Omero- l’Amministrazione Provinciale di Ancona e dall’ l’Ombudsman del Consiglio Regionale delle Marche.

II progetto prevede l’organizzazione di due tornei di calcio, disputati rispettivamente nelle città di Ancona, ieri , 31 agosto e oggi 1° settembre, e quindi a Spalato il 20 settembre, con una formula che integra i momenti di gioco con l’incontro e l’approfondimento di alcune tematiche connesse a quanto accennato e al processo di coesione territoriale fra le comunità rivierasche. Partecipano al torneo di Ancona i giovani calciatori nati nel 2004.

Oggi pomeriggio le squadre si affronteranno dalle 15.00 al Dorico per le finali 5°-6° posto; 3°-4° posto e 1°-2° posto. Seguiranno, alle 18.00 le premiazioni.

Anche per quest’anno hanno aderito alcuni sponsor: Gruppo Schiavoni – Imesa, Camilletti srl, fattoria olio Poldo, Galassi sns con il marchio Kuranda, la cooperativa La Terra e il Cielo e la SNAV navigazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here