Elogio della crescita felice Contro l’integralismo ecologico

1217

Dalla catastrofe pandemica all’emergenza ambientale, dalla crisi climatica alla crisi petrolifera, un invito a mettere da parte isterismi e ideologie, luoghi comuni e decrescite infelici per capire il nostro impatto sugli ecosistemi naturali

«Cosa significa occuparsi di ambiente? La risposta corretta dovrebbe essere: riuscire a preservare un equilibrio ecologico che consenta alla specie umana di crescere, riprodursi e raggiungere un benessere diffuso per il maggior numero di persone.»

«Lo stile di vita dell’uomo è responsabile della diffusione del virus», «Il petrolio sta finendo», «Le grandi opere sono inutili e inquinanti», «Per salvare il pianeta dobbiamo smettere di produrre plastica»… A destra come a sinistra, sui social o a cena tra amici, tutti si dicono «ambientalisti», e non è raro sentire ripetere luoghi comuni non supportati da nessun dato concreto. Ma se in questa categoria rientrano opinioni spesso in contraddizione tra di loro, negli ultimi tempi sembra essersi imposta un’unica narrazione, che vede nella parte della vittima, assediata dalla presenza umana, il pianeta Terra, e come unica soluzione per evitare l’estinzione quella di rallentare la corsa del progresso, e decrescere così felicemente verso un mondo più giusto e sostenibile per tutti. A queste teorie Chicco Testa, che si è occupato di temi ambientali prima alla guida di Legambiente e poi come presidente di Enel, oppone un punto di vista consapevole e di ampio respiro, ponendo la necessità di sostenere il progresso scientifico ed economico, unico in grado di migliorare l’efficienza energetica, diminuire l’inquinamento atmosferico e garantire ricchezza e benessere per le generazioni future.

Passando dai falsi miti dell’agricoltura biodinamica e della pericolosità degli Ogm a casi concreti come quelli di Ilva, Tap e 5G, l’autore offre un vademecum per difendersi dagli estremismi dell’ecologismo radicale e ribadire che il principale nemico dell’ambiente non è l’uomo, ma la povertà.

Chicco Testa, politico, manager, già presidente di Legambiente e di Enel, è stato alla guida di diverse società. Deputato dal 1987 al 1994, scrive regolarmente sulle maggiori testate italiane, tra cui il Corriere della Sera e Il Foglio. Ha insegnato all’Università di Napoli e alla LUISS Guido Carli di Roma. Autore di vari libri, con Marsilio ha pubblicato Contro (la) natura. Perché la natura non è buona né giusta né bella (con Patrizia Feletig, 2014) e Troppo facile dire no. Prontuario contro l’oscurantismo di massa (con Sergio Staino, 2017).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here