Un Project financing per i dragaggi di Grado e Marano

593

“Lo strumento per pensare a un definitivo avvio della manutenzione ordinaria delle vie
navigabili della laguna di Marano c’è e si chiama Project financing”.

Lo evidenzia in una nota il capogruppo di Progetto Fvg/Ar nel
Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Mauro Di Bert,
firmatario di un’interrogazione con la quale ha chiesto alla
Giunta “di prendere in esame tale valido strumento giuridico, per
altro proposto ancora nel 2013 da un’associazione temporanea
d’impresa, per affrontare definitivamente la questione del
dragaggio dei canali lagunari, di accesso al mare e ai porti
turistici”.

“Questa Amministrazione regionale – aggiunge Di Bert – riserva
un’attenzione particolare al tema dei dragaggi, impegnandosi
nella ricerca di soluzioni, in quanto consapevole delle
inevitabili ricadute che una mancata manutenzione dei canali
navigabili porta sul settore turistico-diportistico. Lo conferma
anche il sopralluogo effettuato dall’assessore Fabio Scoccimarro
al comprensorio nautico di Lignano Sabbiadoro e Aprilia
Marittima”.

“È chiara a tutti – sottolinea la nota – la necessità di
continuare a garantire navigabilità e soprattutto sicurezza ai
diportisti, possibili solo attraverso una costante manutenzione
di vie e canali della Laguna. Ciò sia dal lato della
programmazione, sia sotto l’aspetto della gestione, portando la
situazione fuori dallo stato emergenziale nel quale versa da
oltre vent’anni e rientrando in uno stato di ordinarietà,
costruito su un sistema dove ognuno fa la propria parte e,
attraverso importanti risorse, consente agli operatori di
svolgere il proprio lavoro”.

“Come strumento operativo per realizzare questo fine, attraverso
un’attività di dragaggio e di riutilizzo dei sedimenti per la
ricostruzione delle barene erose, suggerisco la modalità del
Project financing pubblico-privato, destinato alle opere
pubbliche o di pubblica utilità, che permetterebbe alla Regione
di garantire una manutenzione continuativa. Il tutto – conclude
Di Bert – tenendo nella massima considerazione possibile
l’aspetto di enorme pregio ambientale della laguna di Grado e
Marano nella quale, per altro, sono state istituite ben tre
Riserve naturali regionali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here