Sicurezza energetica, CIC e Cib: nel 2030 circa 8 miliardi di m3 di biometano

521

Durante la terza giornata di Ecomondo, la manifestazione dedicata all’economia circolare in scena alla Fiera di Rimini, che si chiude oggi venerdì 11 novembre insieme a Key Energy, si è parlato di materie prime, energia e della necessità di incentivare, in Italia, la diffusione di gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio come il biometano e il biogas, da produrre “in house”. La traiettoria delineata dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) si è d’altra parte tradotta nel Decreto biometano, tramite il quale sono stati stanziati 1,7 miliardi di euro di investimenti per favorire la realizzazione di nuovi impianti e la riconversione degli impianti di biogas esistenti. Secondo le stime del CIC, in Italia, ad oggi, vengono immessi in rete 130 milioni di metri cubi di biometano e biogas ottenuto da Forsu (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano), ma si stima che, grazie all’implementazione delle misure del PNRR dedicate al settore, entro il 2026 si potrebbe arrivare a una produzione di oltre 4 miliardi di mc di biometano agricolo, pari a circa il 30% del totale forniture di gas naturale importato dalla Russia. L’Italia, già secondo Paese in Europa per produzione di biogas e tra i principali al mondo, con un adeguato sistema legislativo a supporto potrebbe però addirittura raggiungere una produzione di circa 8 miliardi di m3 di biometano al 2030.   

  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here