8 giugno giornata mondiale degli oceani

363

“L’8 giugno è dedicato agli oceani, il cui stato, negli ultimi trent’anni, è gravemente peggiorato. E il grido d’allarme ormai non è solo limitato ai pochi difensori dell’ambiente ma anche da chi, come l’Organizzazione delle Nazioni Unite, si sta spendendo da decenni per far cambiare rotta al modello industriale occidentale che ormai sta egemonizzando buona parte degli Stati a livello mondiale”.

Serena Pellegrino (Alleanza Verdi e Sinistra)

Lo afferma in una nota Serena Pellegrino, consigliera regionale di Alleanza Verdi e Sinistra nel celebrare la Giornata Mondiale degli Oceani, che ricorre l’8 giugno, giorno dell’anniversario della Conferenza Mondiale su Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro del 1992.

“Le ricadute di tale modello, che si stanno verificando sulla terra ferma, sono ormai anche nei nostri mari – aggiunge Pellegrino -.  I Governi che detengono i maggiori poteri non
comprendono che è sempre più necessario uscire da quella logica per salvaguardare non solo il pianeta, che ha risorse sufficienti per darci lo sfratto, ma per tutelare la vita di chi lo abita, in primis l’essere umano la cui interconnessione con l’acqua è sinonimo di vita”.

La consigliera rincara la dose ricordando infine che “sono 8 i miliardi di tonnellate di plastica presenti nei mari e oceani, ovvero il doppio del peso totale degli animali terrestri e marini. Le trivellazioni, l’inquinamento, gli sversamenti dovrebbero farci comprendere come la sopravvivenza della razza umana passa necessariamente dalle mani dello stesso uomo e che, per il principio della circolarità ecosistemica, quello che noi gettiamo nel mare in un modo o nell’altro ce lo ritroviamo nel piatto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here