Petrolio: nel 2023 ancora record della domanda globale

562

L’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) prevede che il 2023 sarà un anno record della domanda globale di petrolio, ma nel 2024 il rallentamento dell’economia globale, l’aumento dell’efficienza energetica e la crescita dei veicoli elettrici, ridurrà la domanda da 2,2 milioni di barili al giorno del 2023 a un milione

È molto probabile che la domanda mondiale di petrolio raggiunga nuovi picchi quest’anno, dopo che il consumo di combustibili fossili ha raggiunto il record di 103 milioni di barili al giorno a giugno, trainato da una crescita economica migliore del previsto nelle nazioni ricche, dai viaggi aerei estivi e dall’aumento della domanda di combustibili fossili in Cina, in particolare per la produzione petrolchimica.

Lo evidenzia l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) nell’ultimo Rapporto di agosto sul mercato petrolifero (OMR), una delle fonti di dati, previsioni e analisi più autorevoli e tempestive al mondo sul mercato petrolifero globale, secondo cui la domanda globale di petrolio dovrebbe assestarsi sui 102,2 milioni di barili al giorno nel 2023, il livello annuale più alto mai registrato.

La sola Cina, secondo l’IEA, dove le restrizioni del Covid-19 hanno finalmente iniziato ad essere allentate nell’ultimo anno, dovrebbe rappresentare il 70% della crescita della domanda di petrolio prevista nel 2023. Tuttavia, con la ripresa post-pandemia che si sta esaurendo, le condizioni economiche poco brillanti, gli standard di efficienza più severi e i nuovi veicoli elettrici, che pesano sul suo utilizzo, si prevede che crescita è destinata a rallentare nel corso del 2024, passando da 2,2 milioni di barili al giorno del 2023 a un milione di barili.

Nel suo aggiornamento sul mercato petrolifero, l’IEA ha osservato che le scorte globali di petrolio si stanno assottigliando dopo che l’Arabia Saudita e la Russia hanno tagliato l’offerta, in una mossa progettata per sostenere i prezzi del combustibile fossile. Il rapporto sul petrolio prevede che la produzione dei Paesi OPEC+ potrebbe scendere al minimo degli ultimi 2 anni nel 2023.

Si prevede che l’offerta da Paesi che si trovano al di fuori del blocco OPEC+ dominerà la crescita dell’offerta mondiale il prossimo anno, con Stati Uniti che dovrebbero costituire l’80% della crescita dell’offerta globale nel 2023.

Le esportazioni di petrolio russe sono rimaste stabili a circa 7,3 mb/g a luglio, poiché un calo di 200 kb/g nei carichi di greggio è stato compensato da maggiori flussi di prodotti. Le esportazioni di greggio verso Cina e India hanno rallentato ma hanno rappresentato l’80% delle spedizioni russe. L’aumento dei prezzi del petrolio, combinato con la riduzione degli sconti per le qualità russe, ha fatto salire i ricavi delle esportazioni stimati di 2,5 miliardi di dollari a 15,3 miliardi, 4,1 miliardi in meno rispetto ai livelli di un anno fa.

Le raffinerie stanno lottando per tenere il passo con la crescita della domanda, poiché il passaggio a nuove materie prime, le interruzioni e le alte temperature hanno costretto molti operatori a operare a tassi ridotti. I ristretti mercati della benzina e del diesel hanno spinto i margini ai massimi di sei mesi. Mentre la nafta rimane sotto pressione, a causa della concorrenza del GPL a buon mercato e della debole attività petrolchimica al di fuori della Cina, l’olio combustibile ad alto contenuto di zolfo è diminuito in modo significativo mentre le raffinerie sostituiscono il greggio OPEC+ perso con gradi più leggeri e più dolci. L’olio combustibile ad alto contenuto di zolfo a Rotterdam è salito per la prima volta in 28 anni.

Di conseguenza, le scorte di greggio e di prodotti hanno registrato un forte calo. A luglio, le scorte di petrolio osservate sono diminuite per il terzo mese consecutivo, con le scorte del settore OCSE di oltre 100 mb al di sotto della media quinquennale. Gli equilibri di mercato sono destinati a restringersi ulteriormente in autunno poiché l’Arabia Saudita e la Russia stanno estendendo i tagli all’offerta almeno fino a settembre. Un ampio cuscinetto di capacità inutilizzata OPEC+ di 5,7 mb/g significa che c’è un margine significativo per l’alleanza per aumentare la produzione più avanti nel corso dell’anno. Ulteriori forniture di petrolio greggio con elevate quantità di zolfo consentirebbero alle raffinerie di incrementare l’attività e aiuterebbero ad allentare le tensioni sul mercato dei prodotti. Ma se gli obiettivi attuali del blocco verranno mantenuti, le scorte di petrolio potrebbero attingere di 2,2 mb/g nel 3° trimestre 2023 e di 1,2 mb/g nel 4° trimestre, con il rischio di far salire ancora i prezzi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here