Trenton chiude il 2023 a oltre 39 milioni

237

Crescono gli intangible assets dell’azienda metalmeccanica che conta personale sempre più fidelizzato. La presidente Giovetti: «Grazie per venire qui ogni giorno a timbrare il cartellino»

Trenton, la realtà metalmeccanica emiliana con raggio d’azione internazionale, è azienda di valore e di valori: è il non detto, ma che si è chiaramente respirato, durante l’evento in occasione delle festività di fine anno organizzato dalla presidente e amministratrice delegata, Carlotta Giovetti. Riuniti tutti i 150 dipendenti attualmente in forza nell’azienda (e anche presenti numerosi ex dipendenti)operativi sulle tre sedi di Frassinoro, Fanano e Castelfranco Emilia, dove ha sede anche l’Academy promossa dall’azienda.

«Siamo una bella squadra, andiamo avanti», ha constatato ed esortato la presidente Giovetti, ringraziando ciascuno dei dipendenti «perché ogni mattina scegliete Trenton venendo puntualmente a timbrare il cartellino per iniziare il nostro lavoro». Un gesto che, per l’imprenditrice non è solo segno di un rapporto di lavoro, ma anche di un senso di appartenenza e di un processo di fidelizzazione che si riverbera sui risultati aziendali.

Trenton chiude così il 2023 con un fatturato a 39,6 milioni e molta soddisfazione. «Proseguono gli investimenti in macchinari e su tutte le nostre sedi – ha sintetizzato Giovetti –. Manterremo alta l’attenzione sui processi formativi, attraverso l’Academy, e per le iniziative volte a rafforzare la parità di genere», che alla Trenton ormai è una realtà anche certificata.

Se un’azienda metalmeccanica è già di per sé una realtà di peso, Trenton sta dimostrando anno dopo anno di valere più di quanto pesa, per la pluralità degli intangible assets che accrescono la ricchezza del più puro manifatturiero di cui è espressione. La partecipazione attiva e convinta di tutte le maestranze a Fanano e a Frassinoro, al momento conviviale, ne è stata un’evidente conferma.

Sottolineato l’impegno della azienda in tutti i contesti territoriali in cui si posiziona.

Giovetti ha sempre creduto nelle comunità territoriali, in special modo di montagna che caratterizzano la Trenton. E nella parità di genere, con il noto progetto: ‘Be defferent’, verso una attenzione ed un equilibrio in ruoli e mansioni delle componente femminile.

‘Proseguiamo su questa linea, consapevoli di trovarci sulla strada giusta’ conclude Giovetti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here