Battuta d’arresto a dicembre per il mercato degli autocarri, dei veicoli trainati e degli autobus

252

Nell’ultimo mese dell’anno, dopo il risultato positivo di novembre, sia il comparto degli autocarri che quello dei veicoli trainati registrano una flessione a doppia cifra. Infine, per la prima volta nel corso del 2023, anche gli autobus chiudono dicembre con una variazione negativa. Analizzando nel dettaglio il mercato di dicembre 2023, nel mese sono stati rilasciati 1.832 libretti di circolazione di nuovi autocarri (-28,2% rispetto a dicembre 2022) e 870 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg (-32,3%), suddivisi in 95 rimorchi (-20,2%) e 775 semirimorchi (-33,6%). Nell’intero 2023 si contano 28.587 libretti di circolazione di nuovi autocarri, l’11,3% in più rispetto al 2022, e 15.536 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (-7,9% rispetto a gennaio-dicembre 2022), così ripartiti: 1.355 rimorchi (-2,1%) e 14.181 semirimorchi (-8,4%). Per gli autocarri, nell’intero 2023 tutte e quattro le aree geografiche mantengono una variazione positiva: +18% l’area Sud e Isole, +11% il Centro, +9,8% il Nord-Ovest e +6,7% il Nord-Est. Per classi di peso, i veicoli sopra le 3,5 e fino a 5 tonnellate registrano ancora una volta la crescita più significativa (+61,5%), seguiti dai veicoli sopra le 12,5 e sotto le 16 tonnellate (+21,9%), dai veicoli sopra le 8 e fino a 12,5 tonnellate (+13%) e, infine, dai veicoli pesanti da 16 tonnellate in su (+12%). Registrano, invece, una lieve flessione i veicoli sopra le 5 e fino a 8 tonnellate (-1,3%). Sempre a gennaio-dicembre 2023, gli autocarri rigidi risultano in rialzo del 13,2%, mentre i trattori stradali chiudono a +9,5%. Nello stesso periodo, crescono i veicoli da cantiere (+14,6%) e mantengono una variazione positiva anche i veicoli stradali (+11%).

Analizzando il mercato per alimentazione, nel 2023 la quota di mercato dei veicoli alimentati a gas risulta dell’1,8% (era del 3,7% a gennaio-dicembre 2022), per un totale di 520 unità, mentre gli autocarri elettrici e ibridi gasolio/elettrico rappresentano l’1,1% del totale (era lo 0,1% a gennaio-dicembre 2022). In riferimento ai veicoli trainati, nell’intero 2023, si confermano in lieve crescita soltanto le regioni del Nord-Ovest (+1,1%), mentre restano in flessione il Nord-Est (-12,1%), l’area del Sud e Isole (-10,3%) e il Centro (-9%). Le marche estere totalizzano 9.385 libretti di circolazione a gennaio-dicembre 2023 (-8%); variazione negativa anche per le marche nazionali (-7,7%), con 6.151 libretti.

“Nel mercato degli autocarri si è registrata a dicembre una significativa contrazione delle immatricolazioni che, pur non compromettendo il risultato cumulato del 2023 rispetto ai dodici mesi precedenti, testimonia nuovamente i limiti delle attuali misure discontinue a supporto del rinnovo del parco che non producono un’effettiva riduzione dell’età media dei veicoli circolanti – commenta Luca Sra, Delegato ANFIA per il trasporto merci. Come proposto assieme alle altre associazioni della filiera automotive e dell’autotrasporto, si rende necessario adottare una pianificazione strutturale per la transizione ecologica del settore che in primo luogo riconosca il contributo alla decarbonizzazione già oggi apportato dai veicoli di ultima generazione a basse emissioni a gas naturale (compresso e liquefatto) e a diesel pienamente compatibili con i biocarburanti, come biometano e HVO, e che a questi affianchi in prospettiva il supporto alla diffusione di veicoli a zero emissioni e delle relative infrastrutture abilitanti. Nelle more dell’adozione di una programmazione pluriennale si invita l’Esecutivo a dare tempestiva attuazione agli interventi già previsti in sostegno dell’autotrasporto, come la pubblicazione dei decreti che permetteranno l’impiego delle risorse già stanziate per il 2023 e destinate al rinnovo del parco circolante. Contestualmente, si auspica una veloce conclusione del processo di riforma dell’attuale strumento di supporto alla domanda veicolare – cd. Ecobonus – che riconosca, tra le altre cose, anche la fattispecie del noleggio a lungo termine. In ultimo, si ribadisce la necessità di ripristinare il credito d’imposta sugli acquisti di beni strumentali in coerenza con quanto previsto dalla riformulazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”.

 

Il mercato degli autobus con ptt superiore a 3.500 kg totalizza a dicembre 2023 328 nuove unità, con un decremento del 22,5% rispetto a dicembre 2022. Nel dodicesimo mese dell’anno, si mantengono positivi soltanto gli scuolabus (+36,4%), mentre risultano in calo a doppia cifra gli autobus e midibus turistici (-55,6%), gli autobus adibiti al TPL (-25,9%) e i minibus (-10,3%). Nell’intero 2023, i libretti di autobus rilasciati sono 5.119 (+56,2% rispetto a gennaiodicembre 2022). Tre segmenti su quattro registrano una variazione positiva nel cumulato: +72,8% gli autobus adibiti al TPL, +58,6% i minibus e +49% gli autobus e midibus turistici, mentre gli scuolabus contengono la flessione al 2,9%.

“Il mercato autobus nel 2023 in Italia si chiude a poco più di 5.000 unità, con una crescita, rispetto al 2022, del 56,2% – afferma Andrea Rampini, Presidente della Sezione Autobus di ANFIA. Si assiste ad un aumento generalizzato, con un incremento deciso nel segmento dei Classe II, che ha beneficiato anche della spinta della gara centralizzata di Consip. È importante sottolineare che i volumi di immatricolazione, seppur positivi, non sono da considerare un fatto straordinario per un Paese come l’Italia che su questo terreno deve ancora fare molta strada. La media dell’età del parco circolante italiano resta ancora più alta dei Paesi più industrializzati e la proroga sui mezzi Euro II e Euro III rappresenta un freno sul piano della transizione energetica del comparto. Come ricordato più volte da studi autorevoli, è necessario programmare un piano decennale che preveda l’immissione di circa 4.000 autobus all’anno per portare la media del parco a 7 anni di età, allineando così l’Italia ai suoi più importanti partner europei”. Secondo l’alimentazione, la quota di mercato degli autobus alimentati gas è del 17,6% a gennaio-dicembre 2023 (contro il 17,9% del 2022), mentre gli elettrici, ibridi gasolio/elettrico e ibridi metano/elettrico rappresentano il 21,1% (7,2% a gennaiodicembre 2022). A livello territoriale, infine, nell’intero 2023 le immatricolazioni si mantengono in crescita a doppia cifra in tutte le aree: +96,6% nel Sud e isole, +61,1% nel Nord-Ovest, +36,6% nel Nord-Est e +24,8% nel Centro.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here