Educazione alla cittadinanza globale: la Regione Marche presenta GEAR UP!

219

E’ stato presentato questa mattina ad Ancona il più grande progetto europeo a gestione diretta vinto dalla Regione Marche. Si chiama GEAR UP! (Global citizenship Education Actions to stRenghten yoUth engagement through local support to LAs and CSOs, to accelerate Progress towards sustainable development) ha un valore complessivo di 6 milioni di euro ed è cofinanziato dal Programma DEAR della Commssione Europea destinato a progetti di educazione e sensibilizzazione allo sviluppo sociale, economico e ambientale che coinvolgono giovani e cittadini dell’Unione Europea. I membri del  partenariato di progetto, riuniti nelle giornate di oggi e domani presso l’Hotel NH di Ancona, hanno dato il via ai lavori di organizzazione e pianificazione delle attività progettuali previste nei prossimi 4 anni. All’incontro partecipa anche un rappresentante della Commissione Europea (DG International Partnership) che ha presentato gli obiettivi e le linee di indirizzo del programma DEAR.

“La Regione Marche – afferma Andrea Maria Antonini, assessore alla Cooperazione internazionale – è riuscita nell’intento di creare un partenariato europeo di grande valore, costituito da enti locali e organizzazioni della società civile di 8 paesi (Italia, Spagna, Francia, Germania, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia) e composto da 10 partner e 6 associati, consolidando rapporti proficui attivati in precedenti progettazioni e creando nuove sinergie con altri enti europei strategici. GEAR UP! in particolare  –  sottolinea l’assessore Antonini – è il progetto più grande a gestione diretta vinto dalla Regione Marche, con una dotazione finanziaria complessiva di quasi 6 milioni di euro di cui 1.200.000 destinati al territorio marchigiano”.

Capofila del progetto è il Dipartimento Sviluppo Economico della Regione Marche e l’obiettivo specifico è il supporto finanziario ad enti locali e associazioni attraverso bandi e attività di formazione e sensibilizzazione dei giovani sui temi dello sviluppo sostenibile, Agenda 2030, cambiamento climatico ed economia sostenibile. Sono previste inoltre attività di scambio di esperienze e di buone pratiche tra i diversi territori europei coinvolti, in un’ottica di sempre maggiore consolidamento del ruolo della Regione nei partenariati europei.

Le attività non saranno sviluppate solamente negli 8 paesi partner ma coinvolgeranno anche i 5 paesi IPA (Albania, Montenegro, Serbia, Macedonia del Nord e Bosnia Erzegovina), attraverso un supporto finanziario destinato agli enti locali e alle associazioni dei territori per implementare attività e progetti rivolti ai giovani. Tale coinvolgimento rappresenta un valore aggiunto in quanto finalizzato a supportare la creazione di un meccanismo di governance dei giovani nella Macro Regione Adriatico Ionica utile a creare nuove opportunità anche attraverso l’implementazione degli obiettivi territoriali della Strategia Adriatico Ionica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here