Codici: su aumenti e modifiche unilaterali Enel fa orecchie da mercante

322

Proposte irricevibili, l’azienda vuole sfruttare la situazione per fare marketing

È stato deludente l’incontro con i rappresentanti di Enel a cui ha preso parte l’associazione Codici e dedicato ai temi degli aumenti e delle comunicazioni sulle modifiche contrattuali.

“Sugli aumenti e sulle modifiche unilaterali Enel fa orecchie da mercante – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici –. Le proposte che sono state avanzate dall’azienda sono irricevibili. Enel vuole sfruttare la situazione per fare marketing. La situazione è inaccettabile e per questo motivo andiamo avanti con la class action contro Enel Energia”.

La notizia dell’avvio di verifiche da parte dell’Antitrust ha acceso i riflettori sul comportamento dell’azienda e la class action annunciata dall’associazione Codici ha dato un impulso ulteriore alle segnalazioni dei consumatori.

“La situazione è molto grave – sottolinea Giacomelli –. Da una parte abbiamo le proteste per bollette che improvvisamente sono aumentate in maniera vertiginosa, con costi in alcuni casi anche quintuplicati. Dall’altra c’è la questione delle comunicazioni sul rinnovo del contratto. Alcuni lamentano il fatto di non aver ricevuto nessun avviso, né via posta tradizionale né via e-mail, altri invece segnalano di aver ritrovato un messaggio nella cartella della posta elettronica indesiderata che sembrava più che altro una pubblicità. Sono criticità gravi, che l’Autorità sta approfondendo e che sono anche al centro della class action che abbiamo avviato. Ci saremmo aspettati un comportamento diverso da parte di Enel Energia a fronte delle proteste dei consumatori. Auspichiamo un cambio di rotta dell’azienda, affinché si dimostri vicina alle istanze dei propri clienti. Nel frattempo, andiamo avanti per la nostra strada, convinti che gli utenti debbano essere tutelati a fronte dei pesanti disagi subiti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here