“Film sottile” nella più grande fabbrica d’Europa

452

“Nel nostro Paese sta proseguendo il forte sviluppo delle rinnovabili – in particolare solare, eolico e biomasse – con circa 2.500 MW di capacità aggiuntiva nel solo 2009. Questo, grazie proprio ai progetti portati avanti da tantissimi operatori, grandi e piccoli, che stanno investendo nel settore e alla buona disponibilità di risorsa, sta contribuendo a rendere il nostro sistema energetico più sicuro, più competitivo e in linea con i target comunitari assegnati al nostro Paese, creando anche le condizioni per il vero obiettivo di fondo, quello cioè di costituire una vera e propria filiera industriale delle rinnovabili in Italia. I primi semi sono stati messi e si tratta ora di fare il grande salto, di industrializzare il settore a monte della catena, che spesso opera ancora a livello artigianale, sia pure con punte di eccellenza (dalla produzione di inverter per il FV, a quella di riduttori per l’eolico, passando per i servizi di tipo edile per l’idroelettrico). A questo riguardo, vorrei segnalare che, in joint venture con STMicroelectronics e Sharp, stiamo realizzando a Catania quella che sarà sin da subito la più grande fabbrica italiana di pannelli fotovoltaici basati su una tecnologia innovativa, il film sottile.
Con l’aumento della produzione di pannelli, nel giro di qualche anno, diventerà la più grande fabbrica d’Europa. Ma, accanto alla nostra, molte altre iniziative stanno nascendo, sia pure di dimensioni più ridotte, andando così via via a colmare il gap esistente nel nostro Paese.
Quanto ai sistemi di incentivazione, i recenti avvenimenti legislativi e regolatori dimostrano che l'unica via di reale sviluppo per il settore passa per la ricerca della competitività nei costi, tra i principi fondanti di Enel Green Power la cui produzione, distribuita su oltre 600 impianti in 15 Paesi e cinque tecnologie, risulta già oggi indipendente da incentivi per circa il 70%. Riteniamo quindi che, a fronte del continuo miglioramento tecnologico e della conseguente diminuzione dei prezzi, sia inevitabile la progressiva riduzione degli incentivi che dovranno servire ad accompagnare a maturità il settore”.
Roberto Deambrogio,
Responsabile area Italia ed Europa di Enel Green Power

“Thin film” in the biggest Europe factory
“In our Country is remarkable the great development of the renewable energies – especially solar, aeolian and biomasses thanks to the plans created by many companies, big and small, that are investing in the sector, also the good availability of resource are contributing to give more security and competitiveness at our energetic system with the aim to built a real renewable chains in Italy. We want to industrialize the sector, for this reason at Catania we are building the biggest Italian factory of photovoltaic panels based on an innovative technology: the thin film, and after the increasing of panels built, will be the biggest factory in Europe. The main way to develop the sector is the search of the competitiveness in the costs, one of the main principles of Enel Green power. We think that to face the continuous technological improvement and the reduction of the prices, is unavoidable the progressive reduction of the incentives that will need to improve the renewable sector.”

www.enelgreenpower.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here