Acque di balneazione, in Regione incontro con i comuni interessati

583

In concomitanza con l’apertura della stagione balneare (dal primo maggio), si è svolto presso l’assessorato all’Ambiente della Regione Marche un incontro tecnico-operativo tra funzionari dell’Arpam, degli uffici regionali competenti, tecnici delle Province e rappresentanti dei 23 Comuni marino-costieri e dei 7 Comuni con acque balneabili negli invasi artificiali di Borgiano, Castreccioni e Fiastra. Sono stati discussi tutti gli adempimenti da porre in essere per applicare nella nostra regione la Direttiva Comunitaria CE 7/2006 ma soprattutto per garantire la certezza della qualità delle nostre acque attraverso processi gestionali condivisi a salvaguardia della salute pubblica.
A seguito del recente decreto della Giunta regionale del 26 aprile scorso, in cui si individuano e si classificano le acque di balneazione, la Regione ha tempestivamente convocato i rappresentanti dei Comuni interessati per concordare procedure gestionali omogenee su tutto il territorio regionale e la relativa informazione da fornire al pubblico. I tecnici dell’Arpam e della Regione hanno invitato tutti i Comuni e ne erano presenti più della metà, ad emettere le ordinanze sindacali obbligatorie e a comunicarle sollecitamente al ministero della Salute. La Regione avrà il ruolo di coordinamento e indirizzo, mentre l’Arpam dovrà monitorare e analizzare i campioni delle acque per l’intera durata della stagione balneare che terminerà il 30 settembre.
L’incontro è stata un’ottima occasione per fugare i dubbi di molti Comuni sulla scorta della recente legislazione, nonché per dettare i tempi delle prossime scadenze: subito la cartellonistica informativa sulla qualità delle acque, ed entro novembre 2011 l’aggiornamento dei profili di ogni acqua di balneazione, in modo da recepire ed applicare integralmente la Direttiva CE entro marzo 2012. Inoltre, dalla riunione è emersa la condizione eccellente delle nostre acque (per il 90%) e la necessità di predisporre adeguate informazioni per tutte le acque affinché tutti i turisti e i bagnati conoscano la qualità dell’acqua balneari e la loro gestione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here