Giovani: Molinaro con province, nuove opportunità da azione europea

626

Nuove opportunità nel settore delle politiche giovanili, specialmente inerenti l\’accompagnamento dei giovani verso l\’età adulta, da sviluppare anche valorizzando le reti informative già esistenti, sono emerse dall\’incontro che l\’assessore regionale Roberto Molinaro ha avuto a Udine con i rappresentanti delle Province e con Serena Angioli, responsabile dei programmi dell\’Agenzia Nazionale Giovani, l\’ente autonomo istituito dallo Stato per la gestione del programma europeo Gioventù in Azione.
L'Agenzia, che opera sotto l'egida del ministero per le Politiche Giovanili, dispone di un bilancio di 7,5 milioni di euro l'anno, per gran parte impiegati finanziando progetti mirati. E si pone l'obiettivo di stabilire un rapporto con le Regioni italiane al fine di condividere le relazioni inter-istituzionali e favorire l'attuazione delle iniziative finalizzate a promuovere la mobilità dei giovani, creando i presupposti affinchè essi possano compiere esperienze pre-lavorative e di vita, atte a formarli nei confronti della società, del lavoro, del loro futuro e dei progetti di vita.
Il programma, che è interamente esplicato sui siti dell'Agenzia (www.agenziagiovani.it) e della Commissione Europea (www.ec.europa.eu/youth), non richiede particolari titoli per accedervi e non prevede le cosiddette barriere di accesso in quanto vi possono accedere anche singoli gruppi costituiti da almeno 4 giovani.
Tra le azioni principali del programma Gioventù in azione, assieme a Molinaro e alla rappresentante dell'Agenzia gli esponenti delle quattro Province del Friuli Venezia Giulia hanno valutato in particolare il progetto europeo che intende sostenere la costruzione di un dialogo strutturato tra la stessa Agenzia, le Regioni, le Province, i Comuni e l'associazionismo giovanile.
Molinaro, nel suo intervento, dopo avere ricordato che la Regione aveva già sottoscritto un protocollo d'intesa con l'Agenzia Nazionale Giovani nel 2009, ha anticipato che l'Amministrazione sta delineando un accordo di programma quadro triennale con il Governo che dovrebbe essere stipulato entro il prossimo mese di settembre. Esso terrà conto del ruolo e delle esperienze maturale dalle Province nel settore delle politiche giovanili.
Inoltre, nel prossimo autunno il Consiglio regionale esaminerà la nuova legge organica nello stesso settore che avrà quale scopo precipuo quello di facilitare l'accompagnamento dei giovani verso la vita adulta.
Lungo questo cammino di rinnovamento dell'azione della Regione a vantaggio dei futuri cittadini, Molinaro ha annunciato che verranno organizzati due importanti appuntamenti divulgativi.
Il primo, nel prossimo settembre, di carattere informativo: si tratterà di una giornata di incontro sulle opportunità offerte anche in funzione delle previsioni dell'Agenzia Nazionale, rivolta in particolare alle scuole secondarie superiori. Ovvero agli istituti che frequentano e frequenteranno i ragazzi direttamente destinatari dei progetti illustrati.
Il secondo, a metà novembre, sempre sotto l'egida dell'Agenzia, si articolerà in due giornate di formazione dirette a coloro che si occupano di politiche giovanili.
I rappresentanti delle Province hanno sostanzialmente condiviso il percorso individuato da Molinaro per le strategie della Regione a favore dei giovani. In particolare, Adriano Piuzzi, assessore della provincia di Udine, ha parlato del proficuo rapporto tra la sua Amministrazione e quella regionale; ribadito dall'iniziativa odierna e dai programmi illustrati da Molinaro. Rilevando l'importanza di mettere in rete anche le attività già in essere sul territorio con quelle regionali e governative.
L'assessore provinciale di Trieste, Roberta Tarlao, ha infine apprezzato la finalità di consentire ai giovani di conoscere le opportunità e i percorsi di accompagnamento verso la società.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here