TRANS2CARE – Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013

511

Progetto Rete Transregionale per l’innovazione e il Trasferimento Tecnologico per il Miglioramento della Sanità Kick-off meeting – Lunedì 21 novembre 2011
Sarà lanciato pubblicamente il prossimo 21 novembre TRANS2CARE (www.trans2care.eu <http://www.trans2care.eu/> ), il Progetto Rete Transregionale per l’innovazione e il Trasferimento Tecnologico per il Miglioramento della Sanità. Il progetto è finanziato nell’ambito del Programma per la cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013 dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dai fondi nazionali, per realizzare gli obiettivi programmatici attribuiti all’asse prioritario 2 “Competitività e società basata sulla conoscenza”. Le attività progettuali interessano il settore biomedico.

Il progetto è realizzato da un partenariato composto da 13 soggetti tra Enti universitari e di ricerca, ospedali e un’agenzia di trasferimento tecnologico insediate in città delle Province di Trieste, Udine, Treviso, Venezia, Ferrara, delle Regioni del Goriziano sloveno, della Slovenia centrale e Carsico-litoranea. TRANS2CARE è coordinato dall’Università di Trieste in qualità di lead partner.

La situazione
La popolazione dell’Area Programma gode di elevata qualità e durata della vita. Nelle ultime decadi di vita, tuttavia, le esigenze di cura e assistenza possono essere molto impegnative. È quindi necessario un continuo miglioramento delle tecniche di prevenzione, diagnosi precoce e cura di malattie croniche legate all’età.

La soluzione/Gli obiettivi
Mettere a punto una tecnostruttura transfrontaliera condivisa, dedicata allo sviluppo continuo di nuovi protocolli e dispositivi biotecnologici per l’efficace prevenzione e cura di malattie neurodegenerative, cardiovascolari, ortopediche e oncologiche.

I risultati attesi
TRANS2CARE ha una massa critica di infrastrutture, risorse umane e conoscenza sufficiente per realizzare innovazioni biomediche. Si prevedono tre principali impatti. A livello individuale, le persone fruiranno di migliori condizioni di salute (healthy ageing). A livello collettivo, ciò consentirà risparmi di spesa nel settore sanitario e dell’assistenza. Infine, l’ideazione di nuovi servizi e prodotti biotecnologici potrà favorire iniziative imprenditoriali nel settore delle biotecnologie e così aumentare l’occupazione di personale a elevata competenza. Tutto ciò garantisce la forza, presente e futura, del progetto.

L’evento pubblico di lancio, che avrà luogo lunedì 21 novembre p.v., con inizio alle ore 15, all’Università di Trieste, presso la sua sede di via Filzi 14, è l’occasione per comunicare all’esterno le finalità del Progetto e il loro inquadramento nello spirito del Programma Italia-Slovenia 2007-2013, attuando così non solo il piano di comunicazione del progetto, ma anche quello del Programma medesimo che recepisce le disposizioni della Commissione europea in materia d’informazione e comunicazione ai cittadini delle politiche europee. In questo spirito, sono invitati tutti i portatori d’interesse, come Rettori, Presidenti e Presidi di Università, Centri di ricerca e Parchi scientifici, Direttori di ospedali, autorità pubbliche, aziende e associazioni di categoria, stampa e media di entrambi i Paesi.
Al Kick-off meeting saranno presenti numerose autorità come dal programma in allegato. Si segnala particolarmente la presenza del Sindaco di Trieste Roberto Cosolini, della Presidente della Provincia di Trieste Maria Teresa Bassa Poropat, dell’Assessore regionale alla Cultura, sport, relazioni internazionali e comunitarie Elio De Anna e del Ministro della Cultura della Repubblica di Slovenia, Boštjan Žekš.

Le lingue degli interventi saranno l’italiano e lo sloveno, con servizio di traduzione simultanea.

PARTNERS
Università degli Studi di Trieste, Kemijski Inštitut Ljubljana, Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati, Univerza v Novi Gorici, Università di Ferrara, Treviso Tecnologia, Splošna Bolnišnica Dr. Franca Derganca, Università Ca' Foscari di Venezia, Università di Udine, IRCCS Burlo Garofalo, Zavod Republike Slovenije Za Transfuzijsko Medicino, Ortopedska Bolnišnica Valdoltra, Univerza na Primorskem.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here