Poker dell’Emilia Romagna nella vivibilità. Bologna al primo posto nella classifica

473

Poker dell\’Emilia Romagna nell\’edizione 2011 della Qualità della vita nelle province italiane. La regione si aggiudica il primo posto nella classifica finale, con il capoluogo Bologna, e tre vittorie nelle graduatorie di tappa: nel capitolo Affari e lavoro predomina Ravenna, in quello dedicato alla Popolazione Piacenza e nell\’area Tempo libero Rimini. In fondo alla vivibilità (valutata per 107 province, con l\’esclusione di Monza Brianza, Barletta-Andria-Trani e Fermo, perché non dispongono ancora di un numero sufficiente di statistiche ufficiali) si colloca invece Foggia (già penultima nell\’edizione 2010 e ultima nel 2002), preceduta da una lunga fila di realtà del Sud (interrotta solo all\’84° posto da Frosinone).
Del resto il Mezzogiorno "chiude" cinque delle sei graduatorie di tappa: Napoli è alla fine nel Tenore di vita, Agrigento in Affari e lavoro, Crotone nei settori Servizi e ambiente e Tempo libero, Carbonia-Iglesias nell'area Popolazione. Unica eccezione l'Ordine pubblico, dove sul 107° gradino si trova Milano (senza grandi sorprese, in verità, visto che nell'analisi della delittuosità sono sempre le realtà più grandi a spiccare per la situazione più preoccupante).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here