Campusworld – tirocini formativi all’estero: carta vincente per il lavoro dei nostri studenti

595

Gli studenti dell’Università Politecnica delle Marche hanno tempo fino al 23 dicembre per iscriversi all’edizione 2011-2012 del progetto CampusWorld che dal 2005 promuove stage e tirocini da realizzare all’estero presso imprese straniere, l’Ente Nazionale per il Turismo Italiano (ENIT), le Camere di Commercio italiane estere, gli Istituti Italiani di Cultura, i Laboratori Universitari, le sedi estere di Istituti di Credito italiani, la sede della Regione Marche a Bruxelles o presso il Parlamento Europeo.
Ieri mattina alla Camera di Commercio di Ancona, partner del progetto insieme alla Banca Popolare di Ancona, Rodolfo Giampieri, Presidente Camera Commercio di Ancona, Marco Pacetti, Rettore Università Politecnica delle Marche, GianLuca Gregori, Coordinatore del Progetto CampusWorld e il Dott. Luciano Goffi, Direttore Generale UBI >< Banca Popolare di Ancona hanno presentato i risultati della precedente edizione del progetto.
Nel 2010 sono stati 110 i giovani che hanno potuto partecipare al progetto: 67 stage sono stati effettuati in Europa, 18 nel Nord America, 12 in Asia, 9 in Oceania, 2 in Sud America e 2 in Africa.
Dall’indagine conoscitiva sulla situazione occupazione dei laureati, è emerso che il 78% dei ragazzi ha trovato lavoro dopo lo stage in un arco temporale di 6 mesi dalla laurea. La maggior parte degli stage (circa il 94%) è stata effettuata da studenti/laureati della specialistica, quindi al termine del percorso formativo, che hanno trascorso dai 3 ai 6 mesi all’estero vivendo un’esperienza lavorativa presso
Da quando venne attivato il progetto, sono stati realizzati stage nei seguenti Paesi: Argentina, Armenia, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Congo, Croazia, Slovacchia, Danimarca, Ecuador, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, India, Indonesia, Inghilterra, Irlanda, Islanda, Lussemburgo, Madagascar, Messico, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Scozia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Thailandia, Ungheria, Vietnam.
Il progetto in questi anni ha favorito l’integrazione tra Università e mondo del lavoro internazionale; diffondere la conoscenza delle lingue straniere; promuovere il processo di internazionalizzazione; consentire la conoscenza di nuove realtà economiche, offrire un nuovo servizio alle imprese ed agli enti nonché migliorare e incrementare l’offerta di stage all’estero dell’UNIVPM

Alla presentazione hanno partecipato anche alcuni ragazzi che hanno realizzato gli stage nelle precedenti edizioni del progetto, portando la loro esperienza estremamente favorevole per un progetto complementare alla formazione che ha permesso loro di trovare un lavoro attinente gli studi.

Marincioni Giulia ha raccontato come l’esperienza all’estero sia fondamentale per migliorare l’approccio al cliente; Lyiutina Oxana e Irina Beluousova, hanno raccontato il lavoro svolto a Mosca presso la sede della UBI><Banca Popolare di Ancona; Marco Bay, biologo marino, dopo l’università ha realizzato il sogno di fondare un centro di Biologia Marina in Indonesia che ospita studenti universitari che svolgono ricerche sulla barriere corallina.
Daniele Rea durante il racconto del suo stage ha ricordato in particolar modo, la soddisfazione avuta ad Amsterdam per l’organizzazione di un convegno sulle energie rinnovabili; tanto l’entusiasmo di Gianluca Sgariglia che al momento di trova a dover scegliere tra tre lavori e le opportunità lavorative si sono aperte proprio grazie a campus World. Infine Roberta Et Tamimi e Xia Huiyi che hanno già fatto lo stage e che ora stanno completando il percorso di studi accademici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here