Vendola: “Raggiunti tutti target spesa dei fondi comunitari”

780

\”È stato un anno durissimo per la Puglia, così come lo è stato per tutta Italia e tutta Europa. La crisi è precipitata sulle nostre spalle, ma soprattutto nella vita reale di milioni di famiglie; una crisi che per lungo tempo è stata nascosta dai giocolieri di palazzo e dal carosello berlusconiano. Invece la crisi c'era ed era drammatica. Oggi però la Regione Puglia porta risultati di bilancio del 2011 che sono incredibili. Nel pieno della crisi e di fronte a tutto ciò che è stato tagliato dai governi nazionali, noi manteniamo intatti i livelli di cura nei confronti delle persone con disabilità e manteniamo intatti i livelli di assistenza nei confronti di chi ha più bisogno, proviamo cioè a fare della lotta contro ogni forma di povertà ancora una delle bussole della nostra azione di governo".

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola a conclusione di un'affollata e "prismatica"conferenza stampa di fine anno, svoltasi a Bari questa mattina presso Villa Romanazzi Carducci, nel corso della quale sono stati illustrati (dal Presidente e dagli assessori regionali) i risultati conseguiti nel corso del 2011 e anticipate alcune tra le priorità di lavoro 2012 per il governo regionale.

"Abbiamo lavorato in un anno tremendo – ha aggiunto Vendola – e si prospetta un anno ancora più difficile. L'Italia è gia in recessione, attualmente non lo è ancora la Puglia, regione nella quale, secondo i dati dell'Ufficio studi di Confindustria, il Pil aumenta, seppure dello 0,3%. Ecco noi vogliamo essere premiati per le cose buone che facciamo e vogliamo imparare a non fare cose sbagliate. Abbiamo voluto portare in trasparenza tutto, dal nostro modello operativo a tuttii i dossier che sono stati lungamente imboscati. Non c'è un mestiere più faticoso di questo – ha detto Vendola – ma quando si riesce a contribuire al miglioramento, anche di un millimetro, della qualità della vita dei cittadini, non c'è mestiere più gratificante di questo".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here