La Giunta veneta vara primo disegno di legge regionale europea

388

La Giunta veneta, su iniziativa dello stesso Presidente, ha varato il suo primo Disegno di Legge regionale in applicazione delle “Norme sulla partecipazione della Regione del Veneto al processo normativo e all’attuazione del diritto e delle politiche dell’Unione europea” del novembre 2011 che, sul solco delle previsioni del Trattato di Lisbona, ha regolato la partecipazione regionale alla formazione degli atti normativi comunitari e alla loro attuazione. Il provvedimento, unitamente al Rapporto sugli Affari europei, è già stato trasmesso al Consiglio. Esso riguarda, in particolare, l’attuazione della direttiva 1992/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche, della direttiva 2009/147/CE concernente la conservazione degli uccelli selvatici; della direttiva 2006/123/CE sui servizi nel mercato interno; della direttiva 2000/29/CE concernente le misure di protezione contro l'introduzione nella Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali e contro la loro diffusione nella Comunità.
Questi provvedimenti comunitari incidono sulle competenze regionali e il loro recepimento “diretto” consente di intervenire con scelte più adatte al territorio, che tengono conto del suo tessuto economico e sociale, della sua conformazione e posizione geografica, delle sue caratteristiche geomorfologiche e così via.
Con tale iniziativa, il Veneto rientra così tra le poche Regioni italiane, sette in tutto, che concretamente hanno avviato un processo di attuazione organica e sistematica della normativa europea (Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria, Valle d’Aosta e appunto Veneto).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here