Ricordando il terremoto 6 maggio 1976

573

Onorare il ricordo delle vittime di quel tragico 6 maggio 1976; ricordare i sacrifici e il lavoro della gente di queste terre nell\’opera di ricostruzione; rendere merito agli uomini delle istituzioni che, con le loro scelte e la loro capacità, utilizzando strumenti normativi innovativi, hanno consentito la rinascita di un territorio devastato; ringraziare quanti si prodigarono in un\’opera di solidarietà senza precedenti. È con queste motivazioni che Maurizio Franz, presidente del
Consiglio regionale di una legislatura che volge al termine, ha
voluto testimoniare la vicinanza istituzionale alle celebrazioni
che avranno il momento principale oggi lunedì 6 maggio alle
18.00 nel municipio di Gemona – uno dei luoghi simbolo del
terremoto – alla presenza, tra gli altri, del presidente della
Commissione sisma dell'Abruzzo, dell'allora commissario
straordinario del Governo per l'emergenza del sisma Giuseppe
Zamberletti, dell'arcivescovo di Udine mons. Andrea Bruno
Mazzocato, del prefetto di Udine Ivo Salemme e dei sindaci di
Fossa e Foligno. Sempre a Gemona, in Duomo, alle 20.00, verrà poi
celebrata una messa.

Dopo aver messo in evidenza come la ricostruzione post-terremoto
sia oggi un esempio per tutti, grazie a tecniche e modalità
all'avanguardia e a una legislazione statale e regionale di
grande efficacia, Franz ha sottolineato come questo straordinario
disegno sia stato esempio di buona e corretta amministrazione, un
biglietto da visita da esibire quando si parla di autonomia e
specialità del Friuli Venezia Giulia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here