Mercato auto, bene novembre +23.5%

468

Si preannuncia una chiusura d’anno positiva – pur restando i volumi lontani dai livelli fisiologici per l’Italia (almeno 1,8 milioni di unità all’anno) – a beneficio del ricambio del parco circolante, che adeguate politiche di medio periodo dovrebbero rendere strutturale così da raggiungere gli obiettivi di miglioramento della qualità dell’aria e della sicurezza sulle strade. Secondo i dati pubblicati oggi dal Ministero delle
Infrastrutture e dei Trasporti, a novembre il mercato italiano dell’auto totalizza 134.021
immatricolazioni, con una crescita del 23,5% rispetto allo stesso mese del 2014.
Nei primi undici mesi del 2015, i volumi immatricolati si attestano a 1.464.747 unità, il
15,5% in più rispetto a gennaio-novembre 2014.
“Torna a crescere a doppia cifra il mercato auto a novembre, complice anche un
giorno lavorativo in più rispetto a novembre 2014. Si tratta del diciottesimo incremento
mensile consecutivo, quindi un anno e mezzo di progressiva ripresa – commenta Roberto
Vavassori, Presidente di ANFIA.
Ci sono quindi gli elementi per confermare la previsione di chiusura del 2015 attorno a
1,56 milioni di autovetture immatricolate (+15% circa rispetto al 2014). Una chiusura sì
positiva, ma con volumi inferiori a quelli del 2011, quando il mercato italiano raggiunse
1,75 milioni di nuove registrazioni. C’è ancora molta strada da fare, quindi, per
arrivare ai livelli fisiologici del mercato italiano: almeno 1,8 milioni di unità all’anno.
Oltre all’export, in rialzo del 118% nei primi 9 mesi del 2015, possiamo dire che anche
la ripresa della domanda interna abbia agito da leva sulla produzione domestica che,
in riferimento al comparto auto, ha superato le 493.000 unità nei primi 9 mesi
dell’anno in corso (+69%), circa 200.000 vetture in più rispetto allo stesso periodo del
2014. Si tratta del risultato di un progressivo incremento dei ritmi produttivi da inizio
anno, passati da +50% nel primo trimestre, a +76% nel secondo e +85% nel terzo.
Ci auguriamo che la spinta al rinnovo del parco circolante non si limiti a seguire il
naturale ciclo di sostituzione, ma sia sostenuta da adeguate politiche di medio
periodo, volte ad un ammodernamento tecnologico dei veicoli in circolazione, con
rapidi benefici per la qualità dell’aria delle città e la sicurezza sulle strade”.
Secondo l’anticipazione dello scambio di dati tra ANFIA e UNRAE, a novembre
gli ordini ammontano a circa 142.000, il 20% in più rispetto a novembre 2014. Nei primi
11 mesi del 2015, sono stati effettuati 1.483.000 ordini, in crescita del 16% rispetto allo
stesso periodo del 2014.
Analizzando le immatricolazioni per alimentazione, si segnala la flessione delle
auto alimentate a gas (metano e GPL), mentre le vetture ibride continuano a crescere.
Nell’Unione europea, l’Italia è il primo Paese per mercato di auto a gas, il terzo per le
auto ibride e il decimo per le elettriche.
In riferimento al mercato per segmenti, si segnala che Fiat Panda e Fiat 500 sono
i primi due modelli più venduti nel segmento A, sia a novembre, con una quota del 58%,
che nel cumulato 2015, con una quota del 59%. Nel segmento B, i due modelli più
venduti a novembre sono Fiat Punto e Lancia Ypsilon, con una quota del 25% nel mese e
del 26% nel cumulato. Fiat 500X e Fiat 500L, infine, conducono la classifica sia nel mese
che nel progressivo 2015, nei rispettivi segmenti di riferimento, ovvero SUV piccoli e
monovolumi piccoli.
Secondo l’indagine ISTAT, a novembre l’indice del clima di fiducia dei
consumatori (base 2010=100) risulta ancora in aumento, passando a 118,4 da 117 del
mese precedente. L’indice del clima di fiducia delle imprese (base 2010=100), risulta
invece stazionario (107,1 da 107 di ottobre).
In riferimento al clima di fiducia dei consumatori, il giudizio sull’opportunità attuale di
acquisto di beni durevoli, tra cui l’automobile, registra ancora un miglioramento, con un
saldo che passa da -45 a -34. Anche per le intenzioni future di spesa di questi beni si
registra un miglioramento del saldo, da -70 a -66.
Secondo le stime preliminari ISTAT, a novembre l’indice nazionale dei prezzi al
consumo diminuisce dello 0,4% rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,1% nei
confronti di novembre 2014, con una riduzione di due decimi di punto percentuale
rispetto al valore registrato a ottobre (+0,3%).
Rallenta, intanto, a novembre, la flessione tendenziale dei prezzi dei Beni energetici
non regolamentati: -11,2% da -12,7% di ottobre, per effetto del confronto con un
novembre 2014 caratterizzato da una diminuzione congiunturale più marcata.
Si registrano, nel mese, cali congiunturali dei prezzi di quasi tutti i carburanti.
Il prezzo della Benzina segna un ribasso dell’1,2%, con una flessione su base annua del
10,9% (era -12,8% a ottobre); quello del Gasolio diminuisce dell’0,5% rispetto al mese
precedente e registra una riduzione del calo tendenziale di oltre un punto e mezzo
percentuale (-13,1% da -14,8% di ottobre). I prezzi degli Altri carburanti diminuiscono
dello 0,1% su base mensile – per effetto dei ribassi del GPL – con un ridimensionamento
della flessione tendenziale: -17,5% da -18,7% di ottobre.
Le marche nazionali, nel complesso, totalizzano nel mese 37.459
immatricolazioni (+25,9%) e portano la propria quota di mercato dal 27,4% di un anno fa
al 27,9%. I marchi di FCA (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano nel complesso
37.326 immatricolazioni nel mese (+26,1%), con una quota di mercato che sale dal 27,3%
di un anno fa al 27,8%, e un andamento positivo per i brand Fiat (+29,3%), Alfa Romeo
(+17,7%) e Jeep (+67,1%). Performance positiva anche per Ferrari (+38,5%).
Nel periodo gennaio-novembre 2015, le marche nazionali nel complesso totalizzano
415.663 immatricolazioni (+17,7%), portando la propria quota di mercato dal 27,8% di un
anno fa al 28,4%. I marchi di FCA (escludendo Ferrari e Maserati), totalizzano 413.663
immatricolazioni (+17,7%), con una quota di mercato che passa dal 27,7% di un anno fa
al 28,2%. Tutti i marchi FCA riportano un trend positivo nel periodo gennaio-novembre.
Anche Ferrari, Maserati e Lamborghini chiudono con il segno più, a +7,6%, +9,5% e
+17,4% rispettivamente.
Sono ben sei i marchi italiani nella top ten di novembre, con Fiat Panda (9.906
unità) sempre in testa alla classifica, seguita da Fiat Punto (5.145) e Fiat 500X (4.603),
che conquista tre posizioni rispetto al mese precedente. Al quarto posto si colloca
Lancia Ypsilon (4.276), mentre all’ottavo troviamo Fiat 500L (3.340), in recupero di due
posizioni, e al nono Fiat 500 (3.339).
A condurre la top ten diesel del mese troviamo ancora Fiat 500X (4.246 unità), seguita,
al terzo posto, da Fiat Panda (2.404) e, al quarto, da Fiat 500L (2.355), che guadagna
cinque posizioni rispetto a ottobre. Al sesto posto, infine, si colloca Jeep Renegade
(2.001).
Il mercato dell’usato totalizza 427.507 trasferimenti di proprietà al lordo delle
minivolture a concessionari a novembre 2015, registrando un incremento del 14,6%
rispetto allo stesso mese del 2014. Nei primi undici mesi del 2015, i volumi ammontano a
4.171.278 unità, pari al 7,8% in più rispetto al periodo gennaio-novembre 2014.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here