Piazza San Francesco? Errore nostro, ma si poteva usare la APP per risolvere la questione

237
Antonio Gitto Presidente AnconAmbiente

“Solo chi fa sbaglia, recita un antico adagio e, a volte, lavorando 365 giorni l’anno, questo può anche capitare”. Sono queste le parole del Presidente di AnconAmbiente Antonio Gitto a commento dell’articolo editato in data 2 ottobre concernente i contenitori della plastica di piazza San Francesco. “Tecnicamente la squadra ha “mancato” una presa, una cosa che non deve succedere, ma che può accadere una volta l’anno nell’operatività di un servizio come il nostro. Le mail inviateci in data 1 novembre le abbiamo ricevute e, infatti, siamo intervenuti com’era giusto che fosse.

Non tutti i mali vengono per nuocere e quest’occasione mi permette di ricordare ai cittadini una cosa. Mandare una mail il giorno di Ognissanti con gli uffici amministrativi chiusi non è una scelta particolarmente azzeccata e, infatti, la segnalazione alle squadre operative è arrivata con circa 8 ore di ritardo. Come da diverse settimane stiamo comunicando, attraverso la APP Junker, utilizzando la funzione “segnalazione del degrado urbano” ogni cittadino è una sentinella della pulizia della sua città. Non è uno slogan, ma una vera e propria rivoluzione anche organizzativa dell’azienda. La segnalazione attraverso la APP, infatti, è registrata anche dalle squadre operative e, quindi, può evasa in tempi ancor più brevi, nel caso specifico da alcuni addetti in servizio nella giornata del primo novembre. Forse, se la si fosse utilizzata, i turisti non si sarebbero trovati davanti uno spettacolo così poco edificante”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here