Ottava giornata dell’economia: imprese ancora in mezzo alla crisi

664

Sette imprese su dieci stanno risentendo in misura consistente della crisi economica internazionale. Le conseguenze negative di maggiore impatto riguardano gli ordini da parte dei clienti e la liquidità aziendale. È quanto emerge dall’indagine condotta da Unioncamere Emilia-Romagna e presentata in occasione dell\’Ottava Giornata dell’Economia. Secondo Unioncamere dell’Emilia-Romagna, i primi dati relativi al 2010 sembrano confermare che la crisi è ancora lontana da una sua conclusione come conferma il tasso di disoccupazione che dal 3,2% del 2008 è passato 4,8% del 2009. Anche le imprese confermano lo stato di crisi: oltre il 28% ha riscontrato un esubero di personale, il 10% delle imprese intervistate ha presentato ricorso agli ammortizzatori sociali, una quota analoga di aziende a licenziamenti, mentre un 6% ha ridotto gli orari di lavoro. Un altro aspetto negativo è legato alle esportazioni: nel corso del 2009 il commercio verso l’estero è diminuito del 23,4%, sopratutto a seguito di una forte contrazione del comparto metalmeccanico.
Nel mese di gennaio 2010 è proseguita la flessione, con una diminuzione del 6,3% delle esportazioni rispetto a gennaio 2009. E’ in crescita il numero delle imprese esportatrici che vorrebbero trovare sbocchi sui nuovi mercati esteri. “I dati indicano – afferma Andrea Zanlari, presidente di Unioncamere Emilia Romagna – come la priorità sia ancora quella di gestire l’emergenza. Aiutare le imprese ad accedere al credito, evitare la chiusura di tutte quelle in difficoltà, tutelare l’occupazione e sostenere le famiglie che con il perdurare della crisi rischiano di scivolare verso la soglia della povertà, sono le azioni che ci devono accompagnare in questo 2010. Tuttavia, a queste azioni dettate dalla logica della sopravvivenza vanno affiancate strategie di più ampio respiro che ci consentano di riprendere con decisione quel cammino di crescita economica e coesione sociale che da sempre caratterizza la nostra Regione”.

Eighth Economic day: enterprises still in crisis
Seven enterprises on ten are effected by the international economic crisis. The negative consequences of greater impact concern the orders made by customers and the business liquidity. The data emerge by Unioncamere Emilia-Romagna pool, and introduced in occasion of eighth Economic day. The first data about the year 2010 seems to confirm that the crisis is still far from the end: increase of the benefit redundancy fund of 384%, increase of 1,424% of extraordinary redundancy fund and unemployment rate that from 3.2% of 2008 is to 4.8% of 2009. Another negative aspect is linked to the exports: -23,4%.

www.regione.emilia-romagna.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here