Relazioni internazionali: Tondo-Thorne, apertura USA a sistema FVG

618

Una regione piccola ma con una società ed un\’economia molto dinamiche, orientate all\’internazionalizzazione ed all\’innovazione, e con una posizione geografica strategica al centro della nuova Europa allargata. Così il presidente della Regione, Renzo Tondo, ha voluto sintetizzare i caratteri salienti del Friuli Venezia Giulia incontrando oggi, nella sede della Presidenza, l\’Ambasciatore degli Stati Uniti a Roma, David Thorne, per la prima volta in visita a Trieste. Tondo era affiancato dal vicepresidente Luca Ciriani e dagli assessori alle Attività produttive, Federica Seganti, ed alle Relazioni internazionali, Elio De Anna. L'ambasciatore Thorne era invece accompagnato dal Console generale di Milano degli Stati Uniti, Carol Perez. All'incontro con il presidente e gli assessori è seguita una riunione con un gruppo selezionato di imprenditori del Friuli Venezia Giulia, guidati dal presidente regionale di Confindustria Alessandro Calligaris.
Tondo si è detto onorato della presenza a Trieste dell'ambasciatore Thorne, "una visita che potrà aprire al sistema
delle imprese del Friuli Venezia Giulia – ha osservato – importanti relazioni commerciali". Il presidente della Regione ha voluto ricordare il ruolo storico che il popolo americano ha avuto, con il suo impegno nel secondo conflitto mondiale, per la libertà dell'Europa.
"In Friuli Venezia Giulia il rapporto con gli Stati Uniti è rafforzato – ha rilevato ancora Tondo – dalla presenza della base Usa di Aviano, di cui l'Ambasciatore ha confermato il ruolo strategico nello scacchiere europeo, dal comune impegno per la pace in aree delicate come l'Irak e l'Afghanistan, oltre che dalla presenza in Nord America di una folta e attiva comunità di emigrati friulani e giuliani".
"Da regione di frontiera, con una città come Trieste chiusa e condizionata dalla presenza della cortina di ferro, il Friuli Venezia Giulia – ha ricordato il presidente all'ambasciatore – oggi si trova di nuovo al centro dell'Europa grazie al processo di allargamento: cinque capitali dei Paesi del Centro e dell'Est sono più vicine a Trieste rispetto a Roma. La società e la cultura regionali sono inoltre caratterizzate – ha aggiunto – dalla presenza di minoranze, ponendo il Friuli Venezia Giulia al crocevia tra il mondo latino, germanico e slavo".
L'ambasciatore Thorne ha voluto prima di tutto esprimere il cordoglio per la recente scomparsa dei quattro militari italiani in Afghanistan. Il capo della diplomazia Usa in Italia ha detto di essere stato colpito molto favorevolmente dal dinamismo dell'economia del Friuli Venezia Giulia e in particolare, dopo aver visitato Area Science Park, dal ruolo della ricerca scientifica e del trasferimento tecnologico per promuovere l'innovazione nelle imprese. Il modello multiculturale della società regionale, e la sua posizione strategica al centro dell'Europa, possono rappresentare un modello, secondo Thorne, per l'Italia.
L'incontro con gli imprenditori guidati dal presidente di Confindustria, Calligaris, ha assunto un carattere operativo, con l'obiettivo di favorire e migliorare i rapporti tra il sistema economico regionale e gli Stati Uniti. Le aziende presenti al tavolo, tra le quali Illy, Ansaldo Sistemi Industriali e Wartsila, hanno infatti tutte stabili rapporti con partner americani e sono presenti, anche con proprie filiali dirette, sul mercato USA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here