PEFC, legno da foreste ben gestite

660

Negli ultimi anni è cresciuto notevolmente l’interesse nei confronti della tutela dell’ambiente e in particolare del mondo forestale: di pari passo è aumentata l’attenzione e la sensibilità verso la materia prima utilizzata da parte di progettisti, costruttori e consumatori finali. I prodotti a base legnosa, per esempio, sono apprezzati dalla società civile e dal mondo produttivo per essere caratterizzati da un bilancio ambientale complessivamente migliore rispetto ai materiali concorrenti (come acciaio, alluminio, cemento, plastica, ecc.), ma la loro reale sostenibilità ambientale dipende espressamente dal modo in cui sono gestite le foreste da cui proviene il legno utilizzato per realizzare questi prodotti.
Purtroppo una consistente parte del legname importato in Italia (il 90% del fabbisogno nazionale) viene da fonti illegali (secondo il WWF, nel 2006 circa un quinto del legname importato nell’Unione Europea proveniva da risorse illegali, prevalentemente da Russia, Indonesia e Cina). Il taglio illegale di legname è un problema di portata internazionale: è la principale causa di deforestazione e dei cambiamenti climatici (il 25% delle emissioni di gas serra è dovuto alla degradazione delle foreste e alla deforestazione), rappresenta spesso una forma di crimine organizzato, spesso collegata ad altre attività criminali che implicano corruzione, violenza e riciclaggio di denaro. Spesso i profitti di queste attività servono a finanziare guerre civili e acquisto d’armi, soprattutto in Africa.
Quindi, affinché un manufatto, un mobile o un prodotto legnoso o cartaceo sia realmente rispettoso dell’ambiente, deve essere realizzato con legno proveniente da foreste gestite in modo sostenibile. L’unica prova che un acquirente può avere della provenienza del legno o della carta è che il mobile o ogni altro manufatto legnoso abbia una certificazione di tracciabilità (tecnicamente chiamata certificazione di catena di custodia), come la certificazione PEFC, che è lo schema di certificazione forestale più diffuso al mondo e in Italia e che fornisce la stragrande quantità di legname di conifere e latifoglie europee e nordamericane utilizzate nel settore del mobile italiano.
Antonio Brunori
segretario generale PEFC Italia
www.pefc.it
PEFC, the guarantee of a wooden furniture that comes from forests administrated
After the increase of interest about the environmental themes the attention towards the raw materials used by planners builders and the final consumers has grown,. The wooden products, are mainly appreciated because they have a better environmental impact compared with the competing materials, but their real environment sustainability depends by the way in which the forests are managed from which the wood comes. Unfortunately a remarkable part of the timber imported in Italy comes from illegal sources. The illegal cut of timber is an international problem and also the main cause of deforestation and the climatic changes. Therefore, so that a wood or paper product is respect really the environment, it must be realized with wood that come from forests managed in a sustainable way. The test that a purchaser can have about the origin of the wood or the paper is that the piece of furniture or every other wood handmade has a certification of traceability, as the PEFC, certification that is the system of forest certification more diffused in the world and in Italy.

Che cosa è lo schema diCertificazione PEFC?
PEFC è l’acronimo di Programme for Endorsement of Forest Certification schemes che significa Programma per il Riconoscimento di Schemi di Certificazione Forestale.
Questo schema è specifico per la certificazione delle foreste, del legno e carta e non può quindi essere adottato da aziende appartenenti ad altri settori economici.
E’ un organismo di normazione (quindi non è né un organismo di certificazione né di accreditamento) che fissa gli elementi comuni e i requisiti minimi che devono essere rispettati dagli schemi nazionali che vogliono aderire al processo di mutuo riconoscimento. In caso positivo, questi schemi nazionali potranno successivamente fruire di un’etichettatura di mercato collettiva e di un marchio. Questo marchio potrà essere poi apposto ai prodotti costituiti da legno che proviene da foreste certificate PEFC.
Il PEFC è un’organizzazione non governativa, no-profit indipendente, che promuove, a livello mondiale, la gestione sostenibile delle foreste attraverso un certificazione rilasciata da un organismo di certificazione esterno e totalmente indipendente rispetto al PEFC, una certificazione che è riconosciuta a livello internazionale.

Che cosa è la Certificazione di catena di custodia?
La certificazione di Catena di Custodia è un sistema per tracciare il materiale, dalla foresta certificata al prodotto finito, fornendo così garanzia che il prodotto provenga, a tutti gli effetti, da una foresta gestita in maniera sostenibile. Così come la certificazione della gestione della foresta, la certificazione di Catena di Custodia viene emessa da un organismo di certificazione indipendente e accreditato che verifica che il sistema di registrazione del flusso del legno di un’azienda soddisfi i rigorosi requisiti dello schema di certificazione PEFC. Questo certificato vale cinque anni e le verifiche di sorveglianza sul mantenimento della certificazione vengono invece condotte ogni anno. In sintesi, lo schema PEFC è un sistema trasparente che si avvale di una serie di ispezioni tecniche documentali e sul campo, effettuate da organismi di certificazione, in cui la strada di tracciabilità dei prodotti legnosi e cartacei inizia sin dai tronchi tagliati e viene garantita fino ad arrivare al prodotto finito.
Perchè la Certificazione PEFC nel settore del mobile?
La convenienza della certificazione forestale per un’azienda del settore legno risiede in considerazioni di natura economica, etica e d’immagine. Oltre alla soddisfazione morale dell’imprenditore di acquistare e lavorare legno con origini corrette e legali, il marchio garantisce l’origine ecologicamente corretta del legno con cui sono realizzati i propri manufatti. Si va incontro alla preferenza accordata dal consumatore al prodotto certificato, che può tradursi anche nella disponibilità a pagare per esso un prezzo maggiore; nella realtà la possibilità di avere una garanzia sull’origine legale e sostenibile del legno si traduce anche in un vantaggio d’immagine e di accesso facilitato a maggiori fette di mercato, pur senza aumentare il prezzo del prodotto. Importante: il legname certificato non costa più di quello non certificato (spesso i propri fornitori consegnano semilavorati certificati PEFC, ma non lo segnano in fattura finché non viene espressamente richiesto).

La politica degli “acquisti verdi”
Il mercato di prodotti certificati è ritenuto da più parti interessante, specialmente per la spinta della politica di acquisti verdi (Green Public Procurement) da parte delle pubbliche amministrazioni. Queste hanno la garanzia che i prodotti certificati PEFC a base legnosa che acquistano abbiano un’origine certa e diano garanzia alla collettività che sono realizzati rispettando l’ambiente e i diritti civili nei Paesi d’origine. Ecco perché molte gare d’appalto di pubbliche amministrazioni contengono dei criteri ecologici premianti per il punteggio finale, visto che le Linee guida degli Acquisti Verdi prodotte dal Ministero dell’Ambiente (il DM 11.04.2008 cioè il Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della P.A. – G.U. n. 107 del 8.5.2008), riconoscono alla certificazione forestale un valore di natura etica e ambientale.

Per saperne di più
Chi fosse interessato alla gestione sostenibile delle foreste e alla loro certificazione o voglia promuoverla per scopi formativi o educativi: www.pefc.it. Oppure: segreteria generale del PEFC Italia, Strada dei Loggi 22 – 06135 Perugia
Tel.: 075 7824825;
fax: 075 5997295 e-mail: info@pefc.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here