Marche, un esempio “verde”

564

Il Piano Operativo Regionale (POR) ha programmato uno dei suoi assi strategici su “Efficienza energetica e promozione delle fonti rinnovabili”, destinato agli interventi in campo energetico. L’obiettivo è di incrementare in modo sensibile l’utilizzo di fonti rinnovabili, diminuendo nello stesso tempo lo spreco energetico. Le risorse destinate a questo Asse, pari a poco meno del 10% della dotazione complessiva del POR, andranno in modesta misura a sostenere progetti promossi da imprese e finalizzati all’ottimizzazione della gestione dell’energia, anche con ricorso all’uso di fonti rinnovabili. La maggior parte delle risorse, circa il 90%, sostiene progetti e iniziative di maggiori rilevanza, di iniziativa pubblica o pubblico-privata o anche promossi da soggetti privati in forma associata, volti a sviluppare la produzione di energia da fonti rinnovabili, in particolare solare, biomassa e in parte eolico e a migliorare l’efficienza energetica sia nelle attività industriali, sia nei contesti urbani. Gli investimenti, grazie al Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) vanno nella direzione di una forte riduzione delle pressioni nei confronti dell’ambiente, di un sensibile calo del rischio ecologico e, nello stesso tempo, si propongono di dare vita a un ciclo virtuoso che abbia positive ricadute anche sul piano occupazionale. Secondo il Servizio Ambiente della Regione Marche, recentemente sono stati attivati altri due bandi, per un totale di 4,6 milioni di euro, il primo per “interventi di utilizzo di energia rinnovabile a elevato contenuto innovativo” (previsto il finanziamento di 7 progetti e al primo posto c’è la Provincia di Macerata che realizzerà una serra dotata di vetri fotovoltaici, impianto geotermico e sistema di recupero acque piovane al servizio dell'Istituto tecnico agrario di Macerata) e il secondo per la promozione dell’energia rinnovabile da biomasse (finanziati 4 progetti per un totale di 4 milioni di euro. Al primo posto il Comune di Agugliano (AN) che realizzerà un impianto di teleriscaldamento alimentato da una centrale a biomasse).
Nel complesso, attraverso i fondi del POR Competitività e occupazione 2007 – 2013, tra graduatorie già approvate e domande pervenute, sono 455 i progetti per un totale di investimenti complessivi di quasi 130 milioni di euro. Risultati più che positivi e incoraggianti: tra impianti eolici, idroelettrici, fotovoltaici, cogenerazione e rigenerazione, a biogas, cantierati o comunque autorizzati, si è prodotto un totale di potenza elettrica di 489,85 MWe ed energia elettrica per 1.405,94 GWh. Con una percentuale di perseguimento degli obiettivi del Pear del 180% su base annuale e del 54% rispetto al 2015.

Marches, a “green” example
A Regional Operative plan (ROP) has planning one of its strategic measures about “Energetic Efficiency and promotion of the renewable sources”, for all the actions in the energetic sector. The aim is to increase concretely the use of renewable sources, reducing at the same time the energetic waste. The most resources approximately a 90%, supports plans and very importance initiatives, public or private initiative or promoted also from private subjects in associated way, in order to develop the production of energy from renewable sources, solar power, biomass and wind power, to improve the energetic efficiency both in the industrial activities and in urban places. There are two announcements for an amount of € 4.6 million, the first : “Very innovative works about the use of renewable energy power”, the second one: “ Promotion of renewable energy from biomasses”. On the whole, by ROP funds, there are 455 projects, the total investments is about €130 million. Therefore great results: Aeolian, hydroelectric, photovoltaic, co-generation and regeneration, bio gas systems there have been produced about 489,85 MWe electrical power and 1.405,94 GWh of electricity.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here