Economia: Seganti, graduatoria bando innov. artigianato prima di 31/3

728

\”Abbiamo deciso, per correttezza, di rinviare al 31 marzo il termine ultimo per la pubblicazione delle varie graduatorie d\’accesso ai fondi per l\’innovazione – spiega l\’assessore regionale alle Attività produttive Federica Seganti, rispondendo alle preoccupazioni espresse dalle ditte artigiane che hanno partecipato al bando sullo slittamento dei termini d\’erogazione dei fondi – ma siamo ottimisti e, specie per quanto concerne l\’artigianato, prevediamo di concluder l\’iter ben prima del nuovo termine\”. E' stata massiccia la partecipazione delle aziende del Friuli Venezia Giulia ai bandi per l'accesso ai fondi del POR FESR 2007-2013 ed in particolare a quelli messi a disposizione dell'Obiettivo competitività e occupazione attraverso la realizzazione di progetti di ricerca, sviluppo ed innovazione.

In tutto sono state presentate ben 793 domande nei diversi settori del commercio, del turismo, dell'industria e dell'artigianato, una 'marea' di richieste, corrispondente a tre anni di graduatorie sugli analoghi canali contributivi della Regione, che ha comportato problemi organizzativi e gestionali nello svolgimento delle istruttorie, a partire dall'analisi preliminare dei Durc (Documento unico di regolarità contributiva), fatta nell'interesse delle imprese per anticipare parte dell'istruttoria amministrativa e consentire alle aziende di riproporre eventualmente il progetto sul bando per l'incentivazione allo sviluppo competitivo delle Pmi, in scadenza lo scorso 30 settembre.
Sui quasi 800 progetti presentati, 149 sono stati proposti da ditte artigiane e di questi ne sono stati esaminati già 130: manca poco dunque per chiudere questa particolare tranche del lavoro del Comitato tecnico consultivo, che sta provvedendo all'esame dei progetti con tre riunioni alla settimana.

"Una partecipazione tanto importante attesta, una volta di più, la capacità reattiva del nostro tessuto produttivo e non può che rassicurare sulla ripresa – rileva Federica Seganti – ma ha colto di sorpresa l'apparato di verifica, anche perché la gestione dei programmi d'accesso ai fondi comunitari comporta l'uso di procedure informatiche piuttosto complesse".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here