Corinaldo: positivi i dati sul turismo

658

\”Il turismo può e deve diventare il motore finanziario trainante per far uscire il nostro Paese dalla crisi economica che lo attanaglia e quando questo poi si associa alla cultura, il binomio, in Italia, diventata praticamente invincibile”. Così dichiara Fernando De Iasi assessore al Turismo del Comune di Corinaldo e le sue parole si rispecchiano
anche in quelle dell’assessore regionale al Turismo Serenella Moroder la quale ha comunicato buone, ottime notizie per l’amministrazione comunale di Corinaldo in relazione ai dati del movimento turistico nella città per l’anno 2010. L’assessore Moroder, infatti, complimentandosi, ha sottolineato che, rispetto al 2009, l’incremento degli arrivi è stato del 30,74%, mentre del 13,37% quello delle presenze. Un dato in forte crescita, secondo l’assessore al Turismo De Iasi, da attribuire a un sapiente gioco di squadra tra Regione, Provincia e Comune, con il sindaco Livio Scattolini (vicepresidente nazionale del Club de “I Borghi più Belli d’Italia” e componente del consiglio di amministrazione del Sistema Turistico provinciale della Marca Anconetana) costantemente
impegnato a promuovere l’immagine di Corinaldo e del territorioin Italia e all’estero, forte dei prestigiosi riconoscimenti che la città ha conseguito: dalla Bandiera Arancione del TCI alla Bandiera Verde Agricoltura della
CIA, dal prestigioso Premio CORINALDO: POSITIVI I DATI SUL TURISMO Fernando De Iasi assessore al Turismo Comune di Corinaldo 69 Europeo EDEN per il turismo sostenibile e i beni immateriali alla Targa Blu del CESISS per la conservazione dell’apparto viario urbano/extra – urbano, fino a essere accreditato dall’ANCI come uno dei Borghi più belli d’Italia e il più “bello” in assoluto nel 2007. Senza dimenticare che Corinaldo è, insieme a Nettuno (Roma), luogo visitassimo da pellegrini e fedeli che vi giungono da ogni parte del mondo per venerare le spoglie mortali di Maria Goretti, la Santa bambina che proprio a Corinaldo ebbe i natali. Ebbene, in forza di queste particolarità, la Corinaldo del Terzo Millennio si pone all’attenzione di un turismo quanto mai eterogeneo, facendo registrare un crescente numero di persone che vi soggiornano per più giorni, anche in periodo di bassa stagione, sia negli alberghi sia nelle strutture extra – alberghiere come, in particolare, i bed & breakfast che negli ultimi anni hanno raggiunto il numero di circa venticinque unità tra centro storico e in tutto il territorio
comunale: un dato sicuramente importante in considerazione della crisi economica che stiamo attraversando!
Ma anche segno inequivocabile che l’imprenditoria privata, in questo caso nel settore specifico del turismo, trova remunerativo investire a Corinaldo e nel suo territorio, come del resto nel territorio della Provincia di Ancona e delle Marche in toto. Regione a misura d’uomo, che si segnala sempre di più a livello nazionale e internazionale per elevati e riconosciuti standard qualitativi in tutti i settori del vivere comune.Anche le manifestazioni estive sono state tutte confermate e, quindi, nonostante i tagli a cui il Comune è sottoposto, l’estate a Corinaldo sarà viva e piacevole. Non dimentichiamo, infine, che mai come oggi risulta valido l’adagio: “l’unione fa la forza”. La diversità può rappresentare, infatti, non un ostacolo ma la carta vincente per le Marche in fatto di turismo se crescerà la rete di relazioni, idee, proposte tra municipalità, Province e Regione al fine di promuovere il territorio tutto insieme. Una insieme composito di cento città, con cento teatri e altrettanti musei, pettinata in senso longitudinale da cento vallate dagli Appennini all’Adriatico, dove popolazioni riservate e laboriose scrivono quotidianamente la storia di un bene unico, di inestimabile valore.

Corinaldo: positive tourism data
“The tourism can and must become the driving power in order to resolve the economic crisis that
involves our Country when this situation is also joined with culture, the binomial in Italy becomes
unbeatable”. Ferdinando De Iasi, Councilor at the tourism of Corinaldo, declares. A data growing, thanks to a great team as Region, Province and Municipality, with the mayor Livio Scattolini constantly engaged to promote the image of Corinaldo abroad and in Italy, also after having received many prestigious acknowledgments: from the Orange Flag of the TCI to the Green Flag Agriculture of the CIA, from the prestigious European award EDEN for the sustainable tourism and the immaterial assets to the Blue Plate of the CESISS for the maintenance of the urban/extra urban streets, till be considered by ANCI like one of the most beautiful Villages in Italy and in absolute the most beautiful in 2007. Without forget that Corinaldo is, with Nettuno (Rome), country visited by pilgrims and believers from everywhere in order to venerate the mortal remains of Maria Goretti born in Corinaldo. Now Corinaldo bets on an heterogeneous tourism, many people stay for several days during the law season also, in the hotels and b&b that in the last years are increased both in the historical centres and in the whole country: unambiguous sign that the private entrepreneurs think can be very rewarding to invest in the territory of Corinaldo, in the province of Ancona and in general in the whole region.

www.corinaldo.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here